Ricordiamo a tutti i lettori che mettiamo a disposizione un sistema aperto che permette nella maniera più democratica di commentare liberamente qualunque notizia, attivando così dei forum di discussione. E' un modo di partecipazione alla vita calcistica dell'Eccellenza pugliese, ma non deve diventare occasione di sfogo volgare. Mantenete sempre alto il livello di civiltà ed evitate di offendere gli interlocutori. Per commentare le notizie occorre disporre di un profilo GOOGLE o BLOGGER.

Asd Liberty: Il Ds Milillo non si fida della crisi del Loco

31 ottobre 2008
da Calcioclub

Locorotondo in crisi? "Io dico di no, meglio non fidarsi", afferma Enzo Milillo (nella foto), direttore sportivo del Liberty che domenica sarà di scena in Valle d'Itria.
La formazione di mister Di Giovanni ha conquistato solo 2 punti nelle ultime 5.
"Ma domenica non meritava di perdere e sta comunque giocando un buon calcio - sostiene Milillo - è una squadra che, specialmente sul suo campo, può battere chiunque. Del resto, lì ha già perso il Casarano. Sono veloci, aggressivi, per noi sarà dura".
Tanto più che quando si trova la prima della classe, si vuole sempre fare bella figura.
Per la difficile trasferta di Locorotondo, mister Catalano riavrà il centravanti argentino Suarez che ha scontato la squalifica; ancora due turni di stop invece per Lovergine. In dubbio gli under Palazzo (distorsione alla caviglia) e Moramarco (indolenzimento agli adduttori). Le loro condizioni saranno valutate nella rifinitura di domani mattina al "Della Vittoria".
Nel pomeriggio la partenza per il ritiro, ad Alberobello.
La partita (ore 14,30) sarà arbitrata da Mastrodonato di Molfetta con gli assistenti Strada (Taranto) e Arima (Lecce).

Nardò Calcio: Col Putignano certo il recupero di Tartaglia

31 ottobre 2008
da Nardocalcio.com

Match salvezza al "Giovanni Paolo II", il Nardò di Alessandro Longo affronta una delle compagne di coda. Anche il Putignano naviga all'ultimo posto con i suoi 7 punti frutto di due vittorie, un pareggio e 8 sconfitte. Solo 5 reti fatte e ben 20 subite per i baresi che detengono il primato di peggior difesa e peggior attacco.
Settimana piuttosto travagliata per la squadra del Carnevale. Non si sa ancora se mister Porzia tornerà sui suoi passi dopo aver rinunciato ad allenare la settimana scorsa in disaccordo con la società. Brutte notizie anche dal fronte calciatori. Squalificato l'attaccante argentino Testone, persiste una situazione di incertezza sulla partecipazione di altri calciatori in contrasto con la società.
Il Nardò di Longo non deve farsi distrarre da queste situazioni. Deve concentrarsi e trovare la giusta determinazione, quella che in queste ultime quattro giornate Longo gli ha trasmesso a dovere. Il facile 3-0 del Casarano sui putignanesi non deve ingannare. Si trattava di un abisso tecnico tra le due squadre tramutato in goal.
La stessa cosa non si può dire con i Granata. I putignanesi non sono una compagine da disprezzare sul piano tecnico ma è chiaro che stanno pagando oltremisura un'improvvisa crisi societaria.
In settimana Longo ha sottoposto i suoi ragazzi a sedute tecnico-tattiche molto accurate e puntigliose senza lesinare "consigli urlati".
Di sicuro il Nardò arriverà carico al match grazie anche al recupero di Tartaglia (nella foto in alto), pedina fondamentale dello scacchiere Granata e autentico leader in campo.
Formazione tutta da decidere anche se in base all'ultimo test sono stati schierati i seguenti 11:

NARDO': Bassi, Mastria, Buono (Citto), Esposito, Montefusco, Ingrosso, Polo, Tartaglia, Elia, Striano, De Benedictis. A disp.. Di Marco, Zollino, Lepore, Montefrancesco, Patera, Volturno, De Mitri.

Usd Terlizzi: Caricola recupera Ronzullo e Anaclerio

31 ottobre 2008
da Usdterlizzicalcio.it

Dopo la beffa di Sogliano, il Terlizzi riparte dal Corato. E nella dodicesima di Eccellenza cerca la seconda vittoria. La prima e unica risale a oltre un mese fa, quarto turno, con il Nardò. I ragazzi di mister Caricola ci sono andati vicinissimi domenica scorsa sul campo della capolista. Ma decisioni arbitrali molto discutibili li hanno privati dei tre punti che sarebbero stati più che meritati. Ora ci si augura di rivedere la stessa squadra pimpante con il Corato, rivelazione dello scorso campionato e particolarmente temibile in trasferta dove ha conquistato 9 dei 16 punti.
Squalificati Clementini (una giornata) e Liso (due), tornano disponibili il laterale destro Ronzullo e il regista Anaclerio (nella foto).
Il primo dovrebbe prendere il posto di Clementini, il secondo è in ballottaggio con D'Ambrosio. Ancora out invece i difensori Ricci e Landi e il giovane attaccante Zingaro. In dubbio Manzari per un problema muscolare.
La gara (fischio d'inizio alle 14,30) sarà arbitrata da Michele Sassanelli di Bari.
Il prezzo del biglietto sarà di 2 euro anziché di 7: la società devolverà l'incasso a "Ciao Vinny", l'associazione che si occupa della prevenzione degli incidenti stradali e il cui logo da qualche anno è sulle maglie del Terlizzi. Un motivo in più per non mancare.

Asd Castellana: L'analisi di mister Claudio De Luca

31 ottobre 2008
di Mario Maselli

Due gol subiti, due espulsioni, tre punti persi: per l'Asd Castellana Calcio il finale dell'undicesima giornata del campionato di Eccellenza Pugliese a Bisceglie non è stato certo dei migliori.
In vantaggio per 0-1 grazie al gol messo a segno al 12' dall'argentino Leandro Bernè (il secondo in campionato per il centrocampista sudamericano dopo quello firmato con il Copertino), la formazione allenata da Claudio De Luca (nella foto a sinistra) si è fatta rimontare, tra l'84' e l'88', dalla compagine di casa.
Proprio il giovane tecnico barese ha provato ad analizzare il momento del Castellana che, a Bisceglie, ha rimediato la terza sconfitta consecutiva.

Per noi, ogni partita è dura come tutte le altre. Dispiace che, pur soffrendo tanto, a Bisceglie avevamo retto abbastanza bene e stavamo portando a compimento un risultato molto importante. Potevamo anche chiudere la partita, ma abbiamo fallito delle occasioni abbastanza chiare. Siamo stati puniti dagli episodi nella fase conclusiva della partita, ma potevamo tranquillamente, se non vincere, portare a casa punti pesanti. All'interno del gruppo - ha chiarito De Luca - non c'è alcun problema. Siamo sereni sia nelle vittorie che nelle sconfitte. E consapevoli che il cammino è ancora lungo e difficile”.
Bari contro la Liberty, Brindisi e Bisceglie: tre trasferte in cui il Castellana è stato raggiunto o sorpassato nel finale. “Non è una questione di ultimi minuti, né di condizione fisica non adeguata o di gestione del gruppo - ha precisato De Luca - Con il Corato abbiamo fallito clamorosamente un'occasione al 96', con il Copertino abbiamo addirittura segnato a fine gara. Non si può parlare di una costante negativa. Per il Castellana, tutte le partite sono da prendere con particolare attenzione e concentrazione. A Bari, Brindisi e Bisceglie siamo stati condizionati da episodi sfavorevoli”.
De Luca guarda al futuro: “Nelle prossime quattro partite saremo impegnati contro formazioni che hanno i nostri stessi obiettivi o occupano la parte centrale della classifica (Lucera e Japigia Bari, ndr) e poi ci attende il doppio turno interno (contro le blasonate Massafra e Victoria Locorotondo, ndr). Sulle prossime quattro partite, quindi, ne giocheremo tre all'Azzurri d'Italia. E chi come noi punta diritto alla salvezza deve fare necessariamente punti in casa”.

Vict. Locorotondo: Leo Serri in campo dal 9 novembre

30 ottobre 2008
di Alessandro Lisi

Leonardo Serri (foto: victorialocorotondo.it), neo acquisto del Victoria Locorotondo, sarà disponibile per le gare ufficiali a partire dal 9 novembre.. In quella data sarà infatti trascorso un mese dall'ultima presenza dell'ala fasanese nel suo ex club, il Monopoli (5 ottobre, Monopoli - Barletta). Ragion per cui, il primo avversario che Serri potrà affrotare sarà il Massafra.
"Effetto Serri", così soprannominato dai tifosi, ha firmato per il Victoria due settimane fa e si allena regolarmente con i suoi compagni di squadra già da una decina di giorni. Società e sostenitori rossoblu sperano che possa ripetere il grande exploit della stagione passata in cui realizzò 17 reti tra campionato e coppa.

As Bisceglie: In amichevole brilla un argentino in prova

30 ottobre 2008
di Alessandro Ciani Passeri

Amichevole esterna questo pomeriggio per gli uomini di Notariale (foto: forzabisceglie.it).
Sul campo in erba di Capurso contro la compagine locale militante in seconda categoria, il trainer nerazzurro ha avuto modo di provare schemi e moduli tattici in vista della sfida di domenica prossima a Tricase.
Per la cronaca, il risultato finale è stato di 4-0 per gli stellati, con doppietta del giovane attaccante argentino Leandro Rivelli (2), classe 1987, in prova da questa settimana con i nerazzurri, nonchè le reti di Di Pinto e Porcelluzzi.
Alla sfida non hanno preso parte Pasculli, infortunato a causa di una distorsione rimediata domenica scorsa, e Roberto La Salandra, ancora ai box per una contrattura. Si è rivisto invece Vincenzo Di Donna, che domenica farà il suo rientro dal primo minuto. Intanto il Giudice Sportivo ha fermato per due turni Giuseppe Santoli, ammonito e poi espulso nella sfida contro il Castellana.

Atletico Corato: I tifosi chiedono impegno alla squadra

30 ottobre 2008
da Asdcorato.it

Se la sconfitta interna contro il Tricase non ha creato grossi sconvolgimenti nella classifica, con il quinto posto (zona play-off) a soli due punti e il vertice a sette, un pò di malumore l’ha creato invece nella tifoseria (foto: Francesco Roselli) che non vede di buon occhio le sconfitte interne e le vittorie in trasferta.
Alla ripresa degli allenamenti, martedì scorso, una delegazione di tifosi ha chiesto un incontro con i giocatori, per sapere dalla loro voce il motivo di queste disfatte interne.
«E’ stato un incontro senza toni alti – ha detto Aldo Leone uno del gruppo dei tifosi – ma cercando di capire, dalla voce di quei giocatori che hanno accettato il dialogo, cosa stesse succedendo e se ci fossero dei problemi all’interno dello spogliatoio. Ciò di cui ci lamentiamo è l’involuzione che alcuni giocatori presenti anche negli anni scorsi, stanno avendo in queste ultime gare. Noi non attribuiamo colpe al tecnico o alla società ma vogliamo che chi indossa la maglia del Corato, lo faccia cercando di dare sempre il massimo impegno».
Passando al calcio giocato, Lotito sta preparando la trasferta di Terlizzi dove troverà un ambiente agguerrito contro le ultime vicissitudini arbitrali, subìte dalla squadra del presidente D’Alesio.
«Sono situazioni che purtroppo ci accomunano – aggiunge il presidente del Corato, Luciano Rutiglianoanche noi abbiamo provato ad alzare la voce su vistose situazioni subìte contro, ma questo è il calcio e dobbiamo accettarlo così com’è».
Contro il Terlizzi, il tecnico coratino (ancora squalificato) potrà avere a disposizione l’intera rosa, compreso Michele Musti che già da alcuni giorni ha ripreso ad allenarsi con la squadra, così come Nicola Martinelli che già sabato scorso è sceso in campo con la Juniores per cercare di trovare subito i ritmi agonistici e quindi essere pronto anche per la prima squadra.

Virtus Casarano: Rossoazzurri al 1° memorial "Antonio De Giorgi"

29 ottobre 2008
di Ivan Lupo

Domani pomeriggio, alle ore 15.30, la Virtus Casarano sarà impegnata sul terreno del Comunale di Strudà nel 1° Memorial “Antonio De Giorgi”, triangolare in memoria dello sfortunato magazziniere dell’U.S. Lecce tragicamente scomparso a seguito della caduta di un fulmine sul terreno di gioco (foto: ansa.it).
Al triangolare parteciperanno anche lo Strudà e la Gioventù Calcio Muro.

Lucera Calcio: A Castellana tra infortuni e squalifiche

28 ottobre 2008
di Antonio De Troia

La squadra ha ripreso questo pomeriggio gli allenamenti sotto una pioggia torrenziale.
A preoccupare lo staff tecnico biancoceleste è la condizione degli infortunati: dovrebbe farcela per domenica Simone Salinno, che sta proseguendo le fisioterapie, mentre è in forte dubbio Pasquale Trotta (foto: usluceracalcio.it). Inoltre in settimana si dovrebbe sapere qualcosa di più sull'infortunio al ginocchio occorso a Giuseppe Da Bellonio durante la gara di Coppa Italia di giovedì scorso contro l'Audace Cerignola: sarà la risonanza magnetica a chiarire la situazione.
Nella lista degli indisponibili per la trasferta all'"Atleti Azzurri d'Italia" di Castellana Grotte va aggiunto il capitano Francesco Cannarozzi, che sarà squalificato dal Giudice Sportivo per aver accumulato la quarta ammonizione stagionale.
Il tecnico Di Stefano potrà sfruttare comunque questa settimana senza impegni ufficiali infrasettimanali per far rifiatare i suoi calciatori sia dal punto di vista fisico che psicologico, anche perchè non è facile mantenere sempre alta la concentrazione quando si gioca ogni tre-quattro giorni.
Giovedì è prevista una gara amichevole contro un avversario da definire (probabilmente sarà la formazione Juniores del mister Velardi).

Atletico Corato: "Col Tricase poco concreti"

28 ottobre 2008
da Asdcorato.it

Terza sconfitta interna stagionale per il Corato che in casa riesce a dilapidare tutto quello che di buono riesce ad accumulare fuori casa.
Contro un Tricase che aveva innalzato una folta barriera difensiva, la formazione di Michele Lotito (in tribuna per squalifica) non è riuscita a sbloccare un risultato che sembrava essere quello giusto per una gara poco avvincente.
Solo nel primo tempo il Corato ha creato alcune possibilità per passare in vantaggio, ma la fretta di concludere, l’imprecisione ma anche la bravura del portiere avversario, ha impedito la realizzazione.
«Abbiamo sprecato una buona occasione per risalire in classifica – dice il direttore sportivo Corrado Paparella (nella foto in alto)abbiamo tenuto sempre noi il controllo del pallone ma non siamo stati bravi a concretizzare. Forse avremmo potuto fare di più, ma contro una squadra venuta con il chiaro intento di portare via un pareggio, non era certamente facile. Poi nell’unico attacco della ripresa degli ospiti, un nostro errore ha permesso al Tricase di vincere la gara. Ora non resta che lavorare con molta concentrazione per tutta la settimana e cercare di riprendere fuori casa quello che sprechiamo in casa».

Stefan. Sogliano - Usd Terlizzi 2-2

26 ottobre 2008
da Usdterlizzicalcio.it

Si mangia le mani il Terlizzi che sfiora il colpaccio sul campo della capolista Sogliano.
In vantaggio 2-0, si fa raggiungere nei minuti finali. Una grande prova di orgoglio dei ragazzi di mister Caricola che, seppure in formazione rimaneggiata, hanno sfiorato la vittoria.
Una prestazione coincisa con il ritorno in squadra di Gennaro Manzari (nella foto) cui è stata ridotta da sei a tre giornate la squalifica. E il piccolo attaccante barese ha messo la firma sotto il primo gol, arrivato al 16' della ripresa: cross di D'Ambrosio e Manzari di testa batte il portiere del Sogliano Micheli (per lui è il quarto centro in dieci partite).
Ci si aspetta la reazione della capolista, invece è ancora il Terlizzi a colpire, al 32', con Clementini sugli sviluppi di un corner. Per il difensore ex Noci (schierato esterno destro di centrocampo) è il secondo gol stagionale.
Quando sembra che l'ultima possa fare lo sgambetto alla prima della classe, arriva la doppia zampata: al 37' De Benedictis trafigge Lovecchio e al 43' l'arbitro Gagliani fischia un presunto fallo in area di Blonda su Brigante, con Mortari che realizza dal dischetto dopo le proteste dei rossoblu. Il Terlizzi conquista così il quarto pari, il più bello della stagione.

STEFANIZZI SOGLIANO
Micheli, Fracella, Schito (20' st Fiore), Branà, Ricciato, Biasco (40' st Manco), Tundo, Patruno (1' st Tondo), De Benedictis, Brigante, Mortari.

USD TERLIZZI
Lovecchio, Blonda, Bonasia, Carella, Rizzi, Sangirardi, Clementini (39' st Grasso), Roselli, Manzari (35' st Conteduca), D'Ambrosio, De Francesco.

Lucera Calcio - Acd Massafra 1-1

26 ottobre 2008
da Sundayradio.it

Lucera costretto al pareggio sul terreno di casa da un Massafra accorto e ben organizzato che ha saputo sfruttare al meglio il calo biancoceleste, accentuato dall'uscita di Salinno per infortunio (nella foto di Antonino Campanelli: un'azione di gioco).
Di Stefano deve fare a meno di Rizzi, fermato dal giudice sportivo, ma recupera De Stasio, seppure con il polso sinistro fasciato. I padroni di casa hanno fretta di far dimenticare ai tifosi il tonfo casalingo di Coppa, perciò, regolato su livelli alti il grado di concentrazione, aggrediscono gli avversari con vigore e buona velocità.
Salinno sembra in giornata e, al 2', con una galoppata sulla corsia di sinistra, si fionda in area pronto al tiro, due difensori giallo-rossi, però, sono bravi a stroncare il suo tentativo. La manovra del Lucera è limpida, diretta, Abbrescia, piantato a centrocampo, ne è ingranaggio fondamentale, supportato da Raffaello; il Massafra contiene senza affanno.
Al 6', corner di Salinno, Cannarozzi è pronto alla girata di testa, ma finisce a terra; il bomber protesta con l'arbitro, Strippoli di Bari.
Il Lucera cerca di sbloccare il risultato, insistendo sulla fascia sinistra. Al 9', veloce combinazione Cannarozzi-Salinno, il fantasista, appena entro l'area, tira con rapidità, Leone devia in angolo.
La pressione biancoceleste è costante; Cannarozzi, al 14', mette in rete sugli sviluppi di un calcio d'angolo; il direttore di gara annulla per un presunto fallo di mano, nella mischia, proprio del capocannoniere regionale.
Mentre la spinta dell'undici di Di Stefano cala di giri, il Massafra si fa vedere con un bel tiro dal limite di Candita a fil di palo. La gara plana su ritmi meno frenetici; gli ospiti, guardinghi, temono le accelerate di Salinno; Abbrescia continua a giocare buoni palloni; in difesa, pregevole la prova del diciottenne Vacca, sempre pronto a sbarrare la strada a giocatori di maggiore esperienza.
Al 29', Cannarozzi, servito da Abbrescia, di testa, colpisce debolmente da posizione molto favorevole.
Il Lucera è vicinissimo al vantaggio al 43', quando Abbrescia ruba palla a centrocampo e, fulmineamente, serve Cannarozzi in profondità; potente il tiro del capitano, miracoloso l'intervento alla disperata di Leone che respinge, il martello garganico riprende, ma mette di poco al lato.
Il Lucera torna negli spogliatoi con il rammarico di non essere riuscito a sbloccare il risultato. Tornati in campo, alla prima azione, Raffaello serve Salinno che, in area, gira debolmente verso Leone. Il Lucera pur senza mostrare lo smalto del primo tempo, con grande volontà, cerca il varco giusto nello schieramento avversario; il Massafra è pronto al contropiede. I tentativi sono ripetuti anche se poco prolifici, avendo i tarantini serrato le fila.
Al 9', Salinno entra in area strattonato da Ciaurro e finisce a terra. L'arbitro assegna il calcio di rigore su segnalazione del guardalinee; protesta il Massafra, sostenendo lo strattonamento vicendevole. Dagli undici metri Palumbo spiazza Leone.
Subìto il goal gli ospiti cominciano ad imbastire azioni veloci, cercando la porta di Curci con maggior intraprendenza; il Lucera controlla affidandosi al contropiede.
Al 15', veloce incursione di Cannarozzi che smista verso Cardone, tiro blando.
Al 22', Salinno esce dal campo per infortunio, portandosi dietro buona parte della vivacità che la compagine biancoceleste è riuscita a sfoggiare oggi. Gli uomini di Di Stefano, infatti, cominciano ad arretrare, regalando metri agli avversari che continuano a macinare gioco.
Al 29', Candita scende sulla sinistra, quasi indisturbato, si accentra e fa partire un tiro che Curci para. Due minuti dopo, è Magno ad impegnare l'estremo di casa.
Il Massafra capisce che ce la può fare. Gli sforzi giallo-rossi sono premiati al 35', quando ancora Magno, dal limite, lascia partire un pallone che Curci respinge con i pugni; il cuoio finisce sui piedi di Leo che batte a rete.
La partita, poi, non ha detto più nulla. Il Lucera ha perso un'altra occasione per fare risultato pieno davanti al pubblico amico; il Massafra aggiunge un altro prezioso punto alla sua bella classifica.

LUCERA CALCIO
Curci, Mascia, De Stasio, Abbrescia, Palumbo, Vacca, Lambiase, Raffaello, Cannarozzi, Salinno (67' Zoila), Cardone A. (77' Scarano). A disp: Giacobbe, Piazzolla, Cardone O., Abate, Pellegrino.

ACD MASSAFRA
Leone, Ricci, Lucarelli, Candita, Pascullo, Zaccaro, Ferrara (69' Leo), Montecasino, Piccolo, Magno (89' Speciale), Ciaurro. A disp: Cantore, Macaluso, Russo, Nazzaro, Montanaro.

Atletico Corato - Atletico Tricase 0-1

26 ottobre 2008
di Leandro Di Muro
VIDEO Coratocalcio.it

Tricase finalmente riconquista i tre punti che da troppo tempo gli stavano mancando.
E la vittoria arriva nel giorno in cui meno avrebbe meritato in quanto la gara con il Corato aveva tutto l'aspetto ed i ritmi di una gara destinata a concludersi a reti bianche.
L'inizio dell'incontro vede subito in avanti il Tricase con Moreno che dopo dieci secondi sfiora il palo alla destra del portiere con un tiro da fuori area; al 2° minuto punizione di Carlà con il difensore che sbroglia di testa; al 3° lancio di Carlà per Moreno che viene anticipato dal portiere Di Vincenzo togliendogli la palla dai piedi; all'8° il Corato si fa avanti con una punizione di Abruzzese che il rientrante Cesari blocca con tranquillità; al 18° Carlà ruba palla ad un avversario e la mette in mezzo per Gigante che da fuori area spara sul fondo; al 25° Carlà incespica al limite della propria area e si fa togliere il pallone da Pace, che tira in porta ma Cesari si esalta; al 31° ancora avanti il Corato con Pace che ha specchio libero ma preferisce mettere in mezzo per Leonetti, che spara alto; al 35° bella combinazione Pace-Leonetti, con tiro centrale bloccato dal portiere tricasino Cesari.
Il secondo tempo si apre con il Corato in avanti: tiro di Pace deviato da un difensore e Cesari che di reni smanaccia sopra la traversa e sugli sviluppi dell'angolo Abbrescia mette alto di testa; il resto del secondo tempo è solo gioco con lanci lunghi che saltano il centrocampo e spesso si concludono con palla al portiere; la vera svolta dell'incontro arriva al 79° con l'ingresso in campo dell'argentino Mustachi al posto dell'altro argentino Moreno: Mustachi, classe '88, era da oltre un mese che scalpitava per l'esordio in campionato in attesa del transfert e tutta la volontà di giocare l' ha dimostrata sin da subito, correndo come un pazzo da una parte all'altra del campo, proponendosi in avanti di fianco a Ruberto e supportando i compagni in fase difensiva. E proprio quando oramai il pari sembrava il risultato finale, un contropiede partito da una punizione battuta da Della Bona finisce tra i piedi di Mustachi che salta due difensori, rientra verso il centro saltando anche il portiere e di sinistro mette nel sacco per la gioia di tutti i compagni.
Finisce quindi la serie negativa degli uomini di mister Ruberto, con una vittoria esterna (la terza, contro nessuna sinora ottenute tra le mura amiche) nella giornata in cui era fondamentale non perdere per non essere scavalcati dalle squadre in coda alla classifica.
E' stata una vittoria del gruppo, con tutti gli uomini in campo determinati a dimostrare che le difficoltà societarie non sono la causa delle sconfitte ultimamente subite, in gare nelle quali la rete degli avversari è sempre arrivata nel finale d'incontro e la sconfitta mai meritata da un gruppo che ha sempre dato il tutto per ottenere i tre punti finali.
La vittoria arriva tra l'altro nel giorno in cui mister Ruberto doveva fare anche i conti con l'infermeria intasata, con ben 6 infortunati.
Adesso testa a domenica prossima per la gara al San Vito contro il forte Bisceglie.

ATLETICO CORATO
Di Vincenzo, Cannillo, Lanotte, Abruzzese, Abbrescia, Cacciapaglia, Asselti, Sardella, Leonetti, Frascolla, Pace. A disp: Camporeale, Abbasciano, Di Domenico, Curci, Campanale, Tritta, Santarsiero.

ATLETICO TRICASE
Cesari, Esposito, Scazzi, Potì, Della Bona, Greco, Gigante, Carlà, Moreno, Pellegrino, Ruberto. A disp: Guido, Brigante, Stefanelli, Mustachi, Sabella, Sanapo, Toma.

Boys B. Calcio - Nardo' Calcio 1-1

26 ottobre 2008
di Ferdinando Garramone

Il Brindisi Calcio pareggia nel finale contro una buona Nuova Nardò al termine del match valido per la 11° Giornata di Andata del campionato di Eccellenza disputatosi al “Fanuzzi” tra due squadre parse nel complesso in salute e sulla buona strada verso il raggiungimento dell’obiettivo salvezza, nonostante le assenze di rilievo da ambo le parti (Amadu, Fraticelli e Carbone per il Brindisi, Esposito, Tartaglia e Montefrancesco per il Nardò, ndr.).
1-1 al termine di 90’ tutto sommato piacevoli, dunque, per un risultato finale che ha rispecchiato l’andamento del confronto, con un tempo per parte, il primo chiuso appannaggio degli ospiti granata ed il secondo in favore dei biancoazzurri di casa, bravi a credere fino in fondo nella rimonta ed a evitare una pesante sconfitta interna, soprattutto alla luce dei risultati (alcuni dei quali sorprendenti, ndr.) maturati sugli altri campi.
La cronaca. Dopo il doveroso minuto di raccoglimento, osservato in memoria delle otto vittime del terribile incidente aereo di Strasburgo, è il Brindisi ad aprire le ostilità.
Al 7’ Disantantonio si procura una punizione ma la conclusione risulta alta.
La replica del Nardò arriva al 9’ sempre su punizione ma il tiro di Elia è bloccato da Laguardia.
Al 15’ ci prova Pepe Esposito ma il sinistro del n. 9 di casa lambisce soltanto il palo alla destra di Bassi.
Al 28’, poi, ancora il n. 7 ospite Elia tenta un sinistro al volo da fuori area che sfiora la traversa, ed al 35’ stessa sorte per il tiro dal limite dell’area del n. 2 granata Mastrìa.
Al 41’, invece, l’episodio che cambia il volto della partita: Edjekpan (capitano per l’occasione, ndr.) interviene in scivolata sull’ottimo De Padova, per l’arbitro è rigore, sul dischetto si presenta il n. 1 neretino Bassi (nella foto in alto) che con un sinistro rasoterra potente e preciso non dà scampo all’incolpevole Laguardia realizzando così l’1-0 per la gioia dei numerosi supporters granata al seguito.
Nella ripresa, l’undici di Mr. Gori parte forte e già al 1’ sfiora il pareggio al termine di un bel triangolo Scozia-Pepe-Scozia il cui destro ben indirizzato è però bloccato a terra da Bassi.
Al 9’, invece, la punizione rasoterra di Disantantonio è deviata e non impensierisce l’estremo difensore ospite.
Dopo l’uscita dal campo di Greco per Borghese in casa biancoazzurra e tre gialli (Disantantonio per i padroni di casa, Elia e De Padova per gli ospiti), al 26’ è l’estroso De Benedictis a farsi pericoloso dopo un’azione solitaria conclusa da un destro violento ben bloccato a terra dall’attento Laguardia, costretto a ripetersi al 29’ sulla punizione ben calciata dal limite dell’area dal n. 9 granata Patera per evitare il raddoppio ospite.
A questo punto, Mr. Gori le prova tutte e sostituisce anche Edjekpan con Lonoce (32’), ed il Brindisi si riversa in avanti alla disperata ricerca del pari, che sfiora, al 37’, con Carteni (subentrato al posto di Giordano), il cui colpo di testa da pochi passi su cross dalla sinistra finisce clamorosamente alto, e che poi ottiene meritatamente al 43’, proprio con lo stesso Carteni, bravo a deviare con un pregevole colpo di tacco il bell’assist rasoterra scoccato dalla destra dal solito Disantantonio alle spalle del n. 1 salentino per l’1-1.
L’ultima occasione, al 45’, è ancora del Brindisi, ma il gran destro a girare scagliato dal limite dal n. 10 biancoazzurro Disantantonio costringe Bassi ad un grande intervento in corner e, così, dopo 4’ di recupero, giunge il triplice fischio finale del Sig. Pavone di Barletta.
Un pari accolto, infine, negli spogliatoi, con soddisfazione ed anche con un pizzico di rammarico su entrambe le sponde, con il Brindisi atteso domenica prossima dalla delicata trasferta in terra murgiana contro il Real Altamura (oggi sconfitto dall’Ostuni) e con il Nardò chiamato a dare continuità ai risultati positivi coincisi con l’avvento in panchina di Mr. Longo.
Da segnalare, peraltro, in casa Brindisi Calcio, l’ottimo avvio stagionale anche del settore giovanile (vero e proprio “fiore all’occhiello” del sodalizio del Pres. Gioia, ndr.), considerate le beneauguranti vittorie colte all’esordio sia dalla formazione Juniores, che, nel campionato regionale, ha superato ad Avetrana il San Pancrazio per 2-0 (reti di Greco ed Ermito), che dai Giovanissimi, che hanno vinto per 2-0 il derby con la Nuova Calcio Paradiso, ndr.), per chiudere con il successo per 4-0 ottenuto dagli Allievi del Boys Brindisi sul Cisternino (3° Giornata).

BOYS B. CALCIO
Laguardia, Edjekpan (32’st Lonoce), Pinca, Giordano (22’st Carteni), Vatalaro, Lopetuso, Frascaro, Scozia, Pepe Esposito, Disantantonio, Greco (10’st Borghese). A disp: Minelli, Fraticelli, Allegrini, Carbone.

NARDO' CALCIO
Bassi, Mastrìa, Montefusco (27’st Lepore), Polo, Citto, Buono, Elia, Ingrosso, Patera, De Padova, De Benedictis. A disp: Di Marco, Zollino, Quarta, Masciullo, Volturno, Striano.

Ostuni Sport - Real Altamura 2-0

26 ottobre 2008
da Retegialloblu.it

Con un goal per tempo di Alfredo Tenzone, l’Ostuni di Mister Carbonella batte il modesto Real Altamura del neo tecnico Denora (nella foto di Luigi Nacci: un'azione di gioco). Dopo la sconfitta rimediata domenica scorsa in quel di Nardò, i gialloblu erano alla ricerca di tre punti utili per restare nelle zone nobili della classifica.
Il tecnico brindisino per l’occasione deve rinunciare a Ciaramitaro e Amato squalificati, con Ricci e Porro ancora fermi ai box.
In casa Murgiana dopo l’esonero di Mister Tudisco ed in attesa di tesserare Denora, è il tecnico delle giovanili Bruno a guidare la truppa del Presidente Lorusso.
La prima conclusione pericolosa del match, al 2’, è di marca ospite con Lops che da buona posizione spedisce alto sulla trasversale.
I padroni di casa rispondono al 4’: mischia in area di rigore murgiana con Portoghese bravo ad anticipare Zammillo a pochi passi dalla linea di porta.
Qualche minuto dopo ancora il numero 8 gialloblu sfiora il vantaggio, con un suo colpo di testa, dopo un corner di Piscopo, che termina di poco alto.
Gli uomini di Mister Carbonella al 20’ riescono a trovare il vantaggio grazie all’asse Tenzone-Piscopo: spettacolare sciabolata orizzontale del numero 10 gialloblu, con Piscopo che dopo un controllo delizioso entra in area di rigore e serve un perfetto assist allo stesso Tenzone che in acrobazia batte Portoghese per l’1 a 0.
La spinta dei padroni di casa non si esaurisce, e tra il 23’ e il 25’ i gialloblu sfiorano il raddoppio: nella prima occasione Piscopo colpisce il palo con il portiere ospite ormai battuto; 2 minuti dopo Tenzone manca il raddoppio a tu per tu con Portoghese.
Gli ospiti sembrano nella morsa dei padroni di casa con Palmieri assolutamente inoperoso.
Al 40’ gol annullato all’Ostuni per un presunto fallo di mano dell’incontenibile Piscopo nell’area piccola; è questa l’ultima emozione di un primo tempo che ha visto l’undici ostunese sbloccarsi solo dopo essere passato in vantaggio.
Al rientro dagli spogliatoi Carbonella sostituisce un evanescente De Cerchio con Miccoli, arretrando Monaco sulla linea difensiva.
Primi venti minuti della ripresa piuttosto scialbi, con la retroguardia ospite brava a bloccare le velleità offensive dei locali.
E’ Nuzzaci di testa al 67’ a sfiorare il il 2 a 0 su cross di Tenzone; lo stesso numero 9 ostunese al 70’ entra in area di rigore dalla destra e viene atterrato da Di Benedetto: per il Signor Panarese di Lecce non ci sono dubbi è calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Monaco che spiazza Portoghese ma angola troppo la conclusione, fallendo una ghiotta occasione per chiudere l’incontro.
Appuntamento con il raddoppio solo rinviato di poco: al 85’ il solito Piscopo serve sul vassoio d’argento l’assist a Tenzone che di sinistro batte portoghese per il 2 a 0 finale.
Al triplice fischio finale è festa sugli spalti, con la squadra che va a raccogliere il meritato saluto dagli impareggiabili Ultrà della squadra della Città Bianca.
Ora riflettori puntati sul big match in programma domenica prossima sul manto erboso di Copertino.

OSTUNI SPORT
Palmieri, Matera, De Cerchio (46’ Miccoli), Parente, De Cesare, Trovato, Piscopo, Zammillo, Nuzzaci (87’Grieco),Tenzone, Monaco. A disp: Minno, Toscano, Regnani, Barnaba, Kreshpa.

REAL ALTAMURA
Portoghese, Proscia, Caputo, Martimucci (73’ Salvi), Soto, Di Benedetto, Recchia (46’ Maresca), Di Matteo, Lops, Righetti, De Febbo (75’Mazzilli). A disp: Matarrese, Loiudice, Tragni, Di Ciommo.

Ucd Japigia - Victoria Locorotondo 1-0

26 ottobre 2008
di Alessandro Lisi

Il Locorotondo raccoglie la terza sconfitta consecutiva lontano dal “Viale Olimpia” contribuendo così ad alimentare le voci che lo vogliono in piena crisi.
Lo Japigia, dal canto suo, passa senza quasi mai tirare in porta, raccogliendo i 3 punti con un autorete di Baldassarre (foto: victorialocorotondo.it).
Primo tempo che non regala grosse emozioni.
Dopo 10 minuti De Tommaso direttamente da calcio piazzato, chiama alla respinta con i piedi Leleuso.
Alla mezz'ora Victoria sfortunato con Beltrame che, lanciato da Monticelli, supera il portiere con un pallonetto che però si infrange sulla traversa.
La risposta dello Japigia arriva con la conclusione di Zagaria che termina di poco fuori.
Sul finire di tempo, Maurelli dal limite dell’area calcia alto.
Nella ripresa il ritmo non cambia e sono ancora i rossoblu ad avere la chance per sbloccare il risultato. Sul cross di Lisi A., Beltrame appostato sul secondo palo schiaccia il pallone a terra facilitando la presa di Leleuso.
Al 67’ giunge il rocambolesco vantaggio locale. Cross dalla sinistra di Zizzariello e Baldassarre, disturbato dall’uscita difettosa di Maggi, anticipa Zagaria ma svirgola la sfera che termina in porta.
Il Locorotondo avrebbe subito la possibilità di pareggiare, ma Paparella sbaglia il tap-in quasi a porta sguarnita calciando fuori.
Poi solo assalti confusi per gli uomini di mister Di Giovanni che non riescono a siglare la rete del pareggio.

UCD JAPIGIA
Leleuso, Midio, Loseto, De Palma, Piperis, Indrago, Zizzariello (86' Amoruso), Dammacco (85' De Donno), Tateo (75' Tenzone), Cisternino, Zagaria. A disp: Ferrara, Daddario, Mastrolonardo, Grandolfo

VICTORIA LOCOROTONDO
Maggi, Lisi A, De Blasio, Campanella, Baldassarre, Monticelli, Luciani (74' Cassano), Maurelli, Lobascio, De Tommaso (74' Paparella), Beltrame. A disp: Petruzzelli, Convertini, Zigrino, Palmisano

Asd Liberty - Asd Copertino 2-0

26 ottobre 2008
da Calcioclub

La premiata ditta Carminati & Uva regala tre punti preziosissimi al Liberty. E soprattutto il primato in classifica, seppure a braccetto con il Casarano. La vittoria, infatti, consente ai biancazzurri (oggi in completo blu), di scavalcare il Sogliano, fermato dal Terlizzi.
Il brasiliano e il molfettese, dunque. Entrambi si sono giovati delle invezioni di Francesco Bitetto.
L’ex Monopoli, alla mezz'ora serve a destra Palazzo che pesca Carminati in piena area per il tiro vincente del sudamericano. Sul finire del match, ancora Bitetto, su punizione, serve dritto per dritto Uva che converge e batte Musacco con un diagonale chirurgico.
Tra i due gol che hanno dato la vittoria ai blues, tanto Copertino. Sin troppo. Nel senso che la squadra di Mosca non ha fatto corrispondere alla gran mole di gioco e al possesso palla la profondità necessaria e la precisione nelle conclusioni per portare insidie di rilievo dalle parti di un Loporchio pure in non perfette condizioni (il portierone barese ha avuto due incertezze su cross e una volta s’è fatta sfuggire la palla su fuoco amico: una vertiginosa svirgolata di Carlucci in piena area di rigore trasformatasi in pallonetto all’indietro).
Molti (troppi) gli errori di palleggio nel corso di una partita accettabile nel primo tempo e francamente brutta nella ripresa. I calciatori tuttavia hanno una giustificazione: un terreno di gioco, quello del Della Vittoria, davvero ignobile.
Catalano (nella foto in alto) non dispone di Suarez e dello juniores Lovergine, entrambi squalificati. Rinuncia a Rubini e tiene in panchina De Santis, rivistosi giovedì in coppa col Mola. Paris gioca al fianco di Costantino in difesa, Palazzo compone con Uva e Carminati il tridente offensivo, sorretto da Bitetto. In mezzo Carlucci e Menga.
Mosca replica con Musacco tra i pali, Carrino e Contessa esterni, De Braco e De Benedictis centrali; Riontino è il playmaker a ridosso della linea arretrata, Verdesca, juniores interessante di proprietà del Lecce è il mediano centrale, con Quaresimale più avanti; in attacco Brescia è affiancato da Frisenda a destra e Mastria a sinistra.
Copertino in completo bianco, Musacco con una maglia da … giocatore, a fasce rosse e verdi. Solito inizio in ritardo e primo quarto d’ora al valium. Verdesca dimostra subito ottimi numeri. Le squadre si equivalgono. Rompe l’equilibrio Carminati che festeggia a passo di samba. Al 39’ Quaresimale si libera di Carlucci, ma il suo bel tiro dai 22 mt è fuori bersaglio.
Il Copertino torna in campo con Quaresimale più avanzato.
Al 7’ Frisenda si libera bene ma calcia centrale.
Catalano giudica che qualcosa non va. Oppure capisce che sta per entrare Vadacca. Fatto sta che chiama fuori Carminati e inserisce Rubini, formando una difesa a cinque con tre centrali, Portoghese a destra costretto a stare basso da Quaresimale e Visceglia che solo in qualche circostanza riesce a liberarsi di Frisenda e affondare. Entra appunto Vadacca per Carrino (il difensore sinistro), che si vede subito per un mancato controllo. I salentini hanno ora quattro punte.
Carlucci e Menga si schiacciano troppo sulla difesa, spaccando la squadra in due: fase difensiva a sette, fase offensiva (scarsa) a tre, con Bitetto che, nonostante sia provato, cerca di servire palloni giocabili alle punte. Dopo l’errore di Vadacca (18’), lo splendido lancio di Bitetto (20’) per un brutto errore nel controllo di Palazzo.
Al 22’ Quaresimale serve Bitetto che spara sull’esterno della rete.
Il Copertino continua a macinare gioco, pur fra errori tecnici a volte incredibili commessi su entrambi i fronti.
Al 36’ Frisenda, che continua a darsi un gran daffare, crossa dal fondo destra, libera la difesa barese, pur in affanno. Tre minuti dopo il gol, con la perfetta esecuzione di Uva che poi corre da Loporchio per la scenetta del bimbo da cullare (il molfettese è diventato papà di recente).
Il Copertino solo nel recupero riesce ad essere davvero pericoloso: al 47’ Vadacca tocca forse la prima palla, serve Frisenda che prova il tiro (fuori) ma forse poteva chiudere il triangolo con l’ex Manfredonia; al 48’ Brescia è lanciato in piena area: sembra fatta ma il monopolitano calcia a lato.

ASD LIBERTY
Loporchio, Paris, Visceglia, Menga, Costantino, Carlucci, Uva (41’ st De Santis), Portoghese, Carminati (8’ st Rubini), Bitetto, Palazzo (24’ st Moramarco). A disp: Anaclerio, Damiani, Massarelli, Tridente.

ASD COPERTINO
Musacco, Carrino (11’ st Vadacca), De Braco, Riontino (38’ st De Razza), De Benedictis, Contessa, Frisenda, Verdesca, Brescia, Quaresimale, Mastria (5’ st Petrachi). A disp: Vetrugno, Bellino, Ratta, Carachino.

As Bisceglie - Asd Castellana 2-1

26 ottobre 2008
da Bisceglielive.it

Vittoria ottenuta in extremis quella del Bisceglie che nel breve volgere di 4’ ribalta la situazione sfavorevole venutosi a creare con il goal al 12’ del primo tempo di Bernè.
Inizio arrembante dei nerazzurri privi quest’oggi di Roberto Lasalandra infortunatosi nell’immediata vigilia di gara.
Pronti via e il Bisceglie sciupa il vantaggio dopo appena 60” con Pasculli che non riesce a segnare a tu per tu con Lacenere. E’ sempre il funambolo biscegliese, autore di un’importante doppietta nel match di coppa contro il Corato, a concludere questa volta sulla traversa.
Al 4’ perfetto traversone di Schiavone che imbecca Di Pinto (foto: A. Ciani Passeri) sulla cui conclusione vola Lacenere.
Al 7’ semirovesciata di Di Pinto alta.
Il Castellana del giovane trainer De Luca è ben schierato in campo con una sola punta. Come spesso accade nel calcio chi sbaglia troppo paga dazio: al 12’ arriva infatti puntuale l’inopinato vantaggio ospite con Bernè che stacca di testa su angolo battuto da Laporta.
Al 18’ Porcelluzzi su assist di un mobilissimo Pasculli si divora un goal praticamente già fatto.
Al 30’ Balducci gira alto sulla traversa.
Il Castellana si fa vivo dalle parti di Cagnazzo con Anelli il cui tiro ravvicinato è deviato coi piedi dal numero uno nerazzurro.
Al 36’ cross di Pasculli dalla destra, sulla traiettoria c’è Porcelluzzi che non riesce ad incocciare il pallone.
Al 38’ altra nuova chance per il Bisceglie con Di Pinto imbeccato da Pasculli devia Maggipinto.
Nella ripresa mister Notariale tira fuori Moreo, dolorante per una botta al costato e inserisce Malerba.
Al 63’ Angelico calcia alto da buona posizione.
Un minuto dopo bolide di Santoli si rifugia in angolo Lacenere.
Al 66’ grosso rischio per il Bisceglie: azione di contropiede degli ospiti e Salvati sciupa lo 0-2.
Si fa male anche Pasculli sostituito da De Toma. Proprio il neo entrato scarica un pericoloso fendente al 76’, para Lacenere. Si gioca ad una sola porta.
Al 78’ Di Pinto stoppa la palla ma calcia alto.
Il goal sembra nell’aria e arriva all’84’quando su punizione di Di Bari il neo entrato Petruzzella fa sponda per Porcelluzzi che firma di testa il pareggio.
Passano altri 4’ e su rilancio dalle retrovie la difesa ospite cincischia e ne approfitta bomber Di Pinto che cattura palla e la indirizza in fondo alla rete siglando il vantaggio.
All’88’ Petruzzella batte a rete si salva Lacenere da una nuova capitolazione.
Finale nervoso: espulsi Lopriore dalla panchina e Santoli per proteste; in precedenza si era fatto espellere Maggipinto.
Al 92’ ultima azione con Di Bari che su punizione fa volare letteralmente l’estremo ospite.

AS BISCEGLIE
Cagnazzo, Colangelo, Schirone, Santoli, Angelico, Moreo (48' Malerba), Balducci, Di Bari, Porcelluzzi, Pasculli (58' De Toma), Di Pinto. A disp: Grondona, Frappampina, Saracino, Mennuni.

ASD CASTELLANA
Lacenere, Sportelli (53' Mastellone), Viale, Bernè, D'Ursi, Maggipinto, Garofalo (50' Carbonara), Laporta, Salvato, Anelli (50' Sgobba), Tunzi. A disp: Germati, Pascalicchio, Acquaviva, Lopriore.

Asd Putignano - Virtus Casarano 0-3

26 ottobre 2008
di Ivan Lupo

Una bella Virtus Casarano cinica e concreta surclassa a domicilio il Putignano per 3 reti a 0.
Sul neutro di Castellana (foto: covodelleserpi.com), al cospetto di circa 700 spettatori quasi tutti provenienti da Casarano, i rossoazzurri concedono poco o nulla all’avversario segnando, appunto, tre gol e mantenendo una condotta di gara mai remissiva o rinunciataria.
Mister Bianchetti ripropone la vittoriosa formazione di sette giorni fa eccezion fatta per Palma che sostituisce Rollo, affiancando in difesa Calabro, Niccolini e Fazio davanti a Leopizzi; centrocampo affidato a Bonaffini, Rosciglione, Marchi e D’Anna con Aragao e Villa terminali offensivi.
Il Putignano, di contro, fa affidamento su diversi giovani mantenendo come punti fermi il portiere Leuzzi e, in avanti, Testone e Vittorione.
Primo quarto d’ora di studio per le due formazioni con il gioco che gravita tra i reparti centrali.
Al 20’, però, il Casarano fa valere la superiorità tecnico-tattica ed il perfetto cross di Bonaffini per la testa di Villa vale l’1-0. Un minuto prima, allo stesso Villa, era stato annullato un gol su segnalazione del guardalinee.
Sbloccato il risultato la Virtus diventa padrona del campo ed in più d’un’occasione si presenta sotto porta mancando il raddoppio. Le occasioni più nitide passano dai piedi di Marchi (22’ e 34’ entrambe le conclusioni escono di poco), dalla testa di capitan Calabro (30’, palla alta di un soffio) e, sul finire del primo tempo, dai piedi di Villa che non trova l’attimo giusto per calciare in porta uno splendido servizio rasoterra in area di D’Anna.
La ripresa vede i ragazzi di mister Bianchetti rientrare decisi a chiudere il più presto possibile la gara e già al 5’ arriva il raddoppio: Marchi calibra un cross sul secondo palo, Calabro intercetta e fa da torre per l’accorrente Bonaffini che insacca alle spalle di Leuzzi.
Apposto il suo sigillo alla gara, il centravanti rossoazzurro viene richiamato in panchina per far spazio al cileno Sanguinetti.
Il monologo rossoazzurro non conosce sosta e, per tutta la ripresa, Leopizzi rimane praticamente inoperoso eccezion fatta per un colpo di testa al 17’ di Genco, sugli sviluppi di un calcio di punizione, che risulta alto.
Poco prima due occasioni per il terzo gol rossoazzurro: al 13’ ed al 16’, ma in entrambi i casi le conclusioni di Sanguinetti e Villa sono facile preda di Leuzzi.
Al 23’ è Villa a provarci da posizione defilata, ma il tiro coglie l’esterno della rete. L’attaccante, però, si rifà alla mezz’ora dando il via al terzo gol: dal limite lascia partire un violento tiro che Leuzzi respinge con difficoltà; la sfera giunge a Sanguinetti abile nel tap-in vincente.
Zero a tre e gara a senso unico chiusa con diversi minuti d’anticipo. L’ultimo quarto d’ora, infatti, vede proiettato in avanti solo l’undici di Bianchetti, col Putignano in evidente difficoltà di manovra.
Ottima, al 40’, la sforbiciata di prima intenzione di Sanguinetti che lambisce il palo dal limite dell’area e, al 42’ il tiro di Villa che, però, chiude troppo la traiettoria.
Il fischio finale del sig. Del Rosso di Molfetta chiude una gara mai in discussione.
La Virtus dimostra di aver messo definitivamente alle spalle la sconfitta di Ostuni e si riprende la vetta della classifica.

ASD PUTIGNANO
Leuzzi, Palmisano, Gentile, Doronzo, Frecentese, Piccirilli, Genco, Polieri (43'pt Giannandrea), Pace (18'st Alba), Testone, Vittorione (41'st Luceri). A disp: Lacandela, Balducci, Sorresso, Oddone.

VIRTUS CASARANO
Leopizzi, Fazio, Palma, Marchi, Niccolini, Calabro (38'st De Icco), Aragao, Rosciglione, Villa, Bonaffini (9'st Sanguinetti), D'Anna (18'st Presicce). A disp: Trombetta, Rollo, Seclì, Rocco.

Ostuni Sport: Al Comunale arriva l'ostico Real

26 ottobre 2008
da Retegialloblu.it

Archiviata l’andata degli ottavi di Coppa Italia di Eccellenza, l’Ostuni (nella foto: mister Carbonella) riprende, tutto d’un fiato, il cammino in campionato ospitando il Real Altamura in una giornata caratterizzata da sfide insidiose per molte squadre di vertice.
Turno di Coppa positivo per i gialloblu raggiunti sul 2-2 nel finale dal Boys Brindisi con Mattia Miccoli e Tenzone a segno. Per l’Altamura, una sconfitta contro la sorpresa Alberobello per 2-0 che riduce le speranze di raggiungere i quarti, pur dovendo affrontare il ritorno in casa e contro una squadra di Promozione. Ma, ancor peggio, la sconfitta sembra aver avuto effetti devastanti sul futuro di Mister Tudisco, esonerato a causa del calo di rendimento avuto dalla squadra nell’ultima parte della stagione e culminato con la sconfitta in Coppa.
Tornando al campionato la squadra altamurana rappresenta la classica squadra coriacea ed ostica da affrontare, pronta a chiudere ogni iniziativa avversaria e ripartire sfruttando gli spazi concessi. Ne sono dimostrazione le partite fin qui disputate dove, soprattutto in trasferta, ha dimostrato di poter infastidire qualsiasi avversario.
Non certo esaltante la posizione in classifica, determinata dall’unica vittoria, alla settima contro il Nardò e dai sei pareggi ottenuti, record di “X” per il campionato. Tre, invece, le sconfitte, due delle quali giunte nelle ultime due partite contro Copertino e Liberty che hanno reso pesante l’aria nella città murgiana.
Per il resto, qualche buona occasione persa di fare bottino pieno, soprattutto nelle sfide casalinghe contro Japigia e Terlizzi, mentre va registrato l’ottimo pareggio ottenuto in casa del lanciatissimo Casarano alla sesta giornata: in sintesi, una posizione di classifica condizionata pesantemente dai troppi pareggi fin qui ottenuti ma anche da una scarsa vena realizzativa con solo 6 reti realizzate di cui due su rigore che la collocano subito dietro a Tricase e Putignano come peggior attacco del campionato. Molto meglio la fase difensiva con solo 8 reti subite, una in più dell’Ostuni ma nettamente meglio rispetto a squadre come Corato, Locorotondo e Lucera.
Cambio di guida tecnica proprio nella vigilia del match contro l’Ostuni, con Leonardo Denora, richiamato dopo il 3° posto e la finale play-off persa contro il Fasano nel primo anno di gestione Lorusso. A pagare per questo scorcio di campionato sotto tono è Francesco “Ciccio” Tudisco, 39 anni, siciliano di origini ma salernitano di adozione, ex coach di Battipagliese e Ariano ed ex terzino di Salernitana, Genoa, Avellino e Andria. Per il tecnico biancorosso, obiettivo salvezza centrato nella scorsa stagione grazie anche alla vittoria per 2-0 al “Comunale” di Ostuni con le marcature di Maresca e Costa ma contro una formazione gialloblu mentalmente in vacanza.
Rispetto alla scorsa stagione, molti i cambiamenti in rosa: in porta sono arrivati, il 31enne Michele Portoghese e l’under Matarrese, dal Polignano.
Nuovi innesti anche in difesa con l’arrivo di Donatello Marcosano, centrale difensivo 32enne ex Bitonto e di Augustin Soto, 29 anni, giunto per sopperire all’infortunio alla caviglia di Marcosano: sarà proprio l’uruguaiano il grande ex di giornata con un’ultima stagione in D con il Fasano ma soprattutto diversi anni con le casacche di Ostuni e Francavilla. A centrocampo è rientrato il mediano Vicenti cui si aggiunge l’esterno argentino Guillermo Valdez, 30enne ex Matera, mentre in avanti il reparto è retto da Claudio Tranfa, possente punta 29enne proveniente dalla Forza e Coraggio Benevento con un passato in C1 con la maglia dell’Avellino: per lui, 4 delle 6 reti realizzate dai realini. L’ultimo innesto, proprio di pochi giorni fa, è un cavallo di ritorno, in quanto già presente nella rossa biancorossa della passata stagione: si tratta del trentaduenne Diego Hernan Righetti, trequartista con un passato tra Monza, Ariano Irpino, Matera e Sapri.
Per l’Ostuni, l’obbligo di ripartire dalla vittoria con il Casarano, dimenticando in fretta il passo falso di Nardò e nonostante i problemi di formazione che stavolta si concentreranno sul reparto arretrato, causa la concomitante squalifica di due pilastri come Amato e Ciaramitaro. Se Sogliano, Liberty e Casarano corrono, non si può essere da meno.

As Bisceglie: Impegno ostico per i neroazzurri

26 ottobre 2008
di Alessandro Ciani Passeri

Ritornare a vincere in campionato dimenticando Massafra. Con queste prerogative il Bisceglie oggi pomeriggio affronterà il Castellana Calcio (diretta su Telesveva dalle ore 14,25), compagine neopromossa nel campionato d'Eccellenza.
Dopo la netta affermazione di giovedì scorso nell'andata degli ottavi di coppa Italia contro il Corato, mister Notariale dovrà rimescolare le carte per sopperire ad alcune assenze importanti e magari sfruttare il buon momento di forma di qualche atleta, Pasculli su tutti, che hanno dimostrato di attraversare un buon momento di forma. Bloccato per un turno Lestingi dal giudice sportivo, out Mazzone e Di Donna, recuperati ma precauzionalmente ai box per evitare il riacutizzarsi dei rispettivi malanni, il trainer di Triggiano dovrebbe schierare in campo Colangelo al centro della difesa al fianco di Roberto La Salandra (nella foto in alto), con Santoli e Schirone esterni. In mediana Balducci e Pasculli sugli esterni al fianco di Di Bari e Moreo (o Malerba) al centro, con Porcelluzzi e Di Pinto in attacco.
Per la squadra stellata l'imperativo è ritornare a centrare la vittoria in campionato, assente dalla sfida interna contro il Victoria Locorotondo. Un ulteriore passo falso, oltre a significare l'allontanarsi della zona Play Off, consentirebbe alle squadre attualmente presenti nella zona medio-bassa della classifica, di accorciare le distanze a discapito proprio degli stellati.
Il turno di domani si presenta comunque non facile. Il Castellana, seppur attualmente posizionato a ridosso della zona Play Out, possiede un organico da non sottovalutare. Assente l'ex Sigrisi per squalifica e l'attaccante Saby Elkader per infortunio, il giovane mister De Luca, il più giovane della categoria con i suoi 27 anni, potrà contare sui recuperi di Mastellone e Garofalo nonchè sul rientro del rapido Laporta, assente contro il Corato per squalifica. A Ruvo il Castellana cerca l'impresa, con l'obiettivo di riscattare il passo falso interno contro il Corato di domenica scorsa, in una gara persa per 1-0 pur non demeritando. La squadra biancoazzurra si basa sull'esperienza in difesa del quasi quarantenne Renzo Maggipinto e di Antonio Dursi (nerazzurro nel primo anno in promozione del Bisceglie), alla regia di Mastellone e Bernè a centrocampo e alle giocate di Anelli in attacco. Proprio Anelli, ben conosciuto da Notariale per averlo allenato a Noicattaro, è l'elemento su cui la difesa nerazzurra dovrà far maggiore attenzione. Da non sottovalutare inoltre il sempre verde Lopriore in attacco (2 reti all'attivo in questo scorcio di torneo), bomber di razza con oltre 200 goal all'attivo in carriera, giunto ormai alla veneranda età di 42 anni, e l'ex Capurso Vito Carbonara. Ad arbitrare l'incontro è stato designato il Sig. Roca della sezione di Bari.

Atletico Corato: "Approfitteremo degli scontri diretti"

26 ottobre 2008
da Asdcorato.it

Sarà di scena il Tricase al “Comunale” di via Gravina questo pomeriggio, ospite di un Corato che in casa non ha mai convinto del tutto, al contrario di quanto riesce a fare in trasferta dove, forse una situazione ambientale diversa, riesce a far rendere meglio la squadra.
Tra le mura amiche, il Corato sembra dover superare ogni volta un esame al cospetto di una tifoseria che chiede sempre una vittoria, a prescindere.
L’avversario di oggi, nonostante il quint’ultimo posto in classifica con 8 punti (8 in meno al Corato) proprio in trasferta ha raccolto il maggior numero di punti, ben sei, andando a vincere sui campi di Terlizzi e Nardò.
Il Corato si è preparato a questa gara cercando di recuperare gli infortunati, Musti e Lanotte, anche se solo quest’ultimo sembrerebbe pronto per entrare in campo.
«Sarà molto importante vincere – dice il giovane coratino Giuseppe Frascolla (foto: Francesco Roselli)perché gli scontri diretti previsti per oggi, ci potrebbero far guadagnare qualche posizione in classifica. La nostra è una squadra che, forse, gioca meglio quando viene attaccata e contro il Tricase questa situazione difficilmente potrà accadere. Per questo dobbiamo essere tranquilli e cercare con molta pazienza i varchi che riusciremo a crearci, cercando però di non mostrare il fianco ai loro contropiedi».
In panchina il Corato non avrà il tecnico Lotito, squalificato per un mese dal giudice sportivo, una sanzione su cui la società, attraverso un comunicato stampa ha espresso la sua indignazione.
In breve, il presidente Rutigliano, confortato dalle immagini televisive, ha espresso l’indignazione della società verso l’espulsione comminata al proprio tecnico.
«La sua espulsione è avvenuta – dice Rutiglianosolo perché ha segnalato l’evidente presenza di due palloni in campo, nell’ambito della stessa azione di gioco. Forse però nel referto arbitrale è stato scritto qualcosa di diverso, ma non vero, per spingere il giudice sportivo a comminare una squalifica che terrà fuori Lotito per sette gare».

La probabile formazione:
Di Vincenzo, Cannillo, Lanotte, Abruzzese, Abbrescia, Cacciapaglia, Frascolla, Sardella, Leonetti, Asselti, Pace.

Asd Putignano - Virtus Casarano: Diretta su Salento Channel

26 ottobre 2008
di Redazione

Tra le gare in programma nell'11.a giornata del Campionato di Eccellenza pugliese anche il "testa-coda" tra Asd Putignano e Virtus Casarano che si disputerà sul terreno dello Stadio Azzurri d'Italia di Castellana Grotte.
Potete seguire la gara in diretta su Salento Channel (canale 952 del bouquet di Sky) o, in alternativa, in streaming su internet cliccando sul logo a sinistra. La diretta avrà inizio intorno alle 14.15 circa.

Buona visione!

Asd Putignano: Col Casarano bisogna provarci

25 ottobre 2008
da Calcioclub

Sulla carta non ci sarebbe partita. Ma il calcio è bello perché a volte i pronostici che sembrano scontati vengono sovvertiti.
E' con questa convinzione che il Putignano (nella foto alcuni tesserati) si avvicina alla sfida con la corazzata Casarano.
Una squadra, quella allenata dal siciliano Bianchetti, costruita per vincere, dunque forte. Ma non imbattibile, come dimostrano le due sconfitte con Locorotondo e Ostuni.
E allora la squadra di mister Porzia ha il dovere di provarci, con la consapevolezza che anche un pari sarebbe un grande risultato. Tanto più che dopo zero punti nelle prime sei giornate, nelle successive quattro ne ha conquistati sette, lasciando a Terlizzi e Nardò il peso dell'ultimo posto.
La partita (cambia l'orario d'inizio, ore 14,30) si giocherà sul terreno dello Stadio "Azzurri d'Italia" di Castellana Grotte. La decisione è stata presa di comune accordo dalle due società ed avallata dagli organi federali per la parziale inagibilità dello Stadio "Torino 49" di Putignano.
Sarà arbitrata da Del Rosso di Molfetta con gli assistenti Minervini (Molfetta) e Nisio (Bari).

Boys B. Calcio: Col Nardò per muovere la classifica

25 ottobre 2008
di Ferdinando Garramone

Vigilia intensa all’insegna della concentrazione e della tranquillità per il Brindisi Calcio, reduce dal 2-2 in Coppa Italia contro l’Ostuni e dalla sconfitta esterna al cospetto del quotato Casarano che ha interrotto la serie utile che durava da tre turni della giovane compagine brindisina, che si appresta ad affrontare il non facile confronto con il Nardò, in programma al “Fanuzzi” domani (ore 14,30) in occasione della 11° Giornata di Andata del campionato di Eccellenza.
Neanche il tempo di rifiatare, dunque, che si torna nuovamente in campo, con l’obiettivo in casa adriatica di centrare un risultato positivo e che consenta alla formazione biancoazzurra di ripartire immediatamente dopo lo stop di domenica scorsa, ormai messo alle spalle.
Seduta odierna, pertanto, dedicata alla consueta rifinitura del match con i granata allenati da Mr. Longo, preparato ancora una volta in pochissimo tempo, per via dell’autentico “tour de force” di quest’avvio di stagione, particolarmente fitto di incontri ravvicinati.
Mr. Gori, rinfrancato dal buon secondo tempo del match disputatosi al “Capozza” e dal buon test infrasettimanale di Coppa con i cugini gialloblù di Mr. Carbonella, per l’occasione ha a disposizione l’intero organico, rinforzato dagli ultimi acquisti, ma, per contro, deve fare i conti con l'assenza in attacco dell’interessante under Carbone, ancora convalescente dopo lo stiramento alla coscia rimediato nella trasferta di Tricase, sicchè, in definitiva, può affrontare l’impegno con l’undici neretino con il morale alto e con un pizzico di ottimismo, nonostante la consapevolezza di affrontare una delle squadre più in forma del torneo, per via dei 5 punti totalizzati nelle ultime tre gare.
Impresa non facile, dunque, per il Brindisi del Presidente Gioia (nella foto in alto), considerato anche il buon momento attraversato dagli avversari di turno, reduci a loro volta dall’inatteso successo interno di misura contro l’ex capolista Ostuni, rivitalizzati dopo l’avvento in panchina di Mr. Longo al posto di Lepore e, particolare non trascurabile, seguiti in trasferta da circa 200 tifosi.
La squadra di Mr. Longo spera, dal canto suo, di uscire imbattuta dalla delicata trasferta brindisina, per dare continuità agli ultimi risultati positivi in campionato, che l’hanno rilanciata nella lotta per la salvezza.
Arbitro il Sig. Pavone di Barletta, coadiuvato da Lopez e Rega entrambi di Bari, fischio d’inizio alle ore 14,30, ingresso 10 € tribuna centrale poltronissime, 5 € in tutti gli altri settori.

Asd Castellana: A Bisceglie si cerca l'impresa

25 ottobre 2008
di Mario Maselli

E' un Castellana Calcio determinato e volitivo quello che si appresta a giocare l'undicesima giornata del campionato di Eccellenza pugliese. Il difficile impegno contro il Bisceglie, da affrontare peraltro in trasferta, non spaventa l'undici allenato da mister Claudio De Luca (nella foto a sinistra) che cercherà in tutti i modi di ritrovare punti e vittoria (mancano entrambi dalla gara interna contro il Putignano).
Abbiamo lavorato bene durante tutta la settimana, senza grossi problemi e anche chi era indisponibile è tornato ad allenarsi con la squadra - ha precisato in maniera decisa il direttore sportivo della società di via Orazio, Pier Paolo Pellegrino - Il gruppo c'è ed è compatto. Come sempre, questa è la sua caratteristica principale. Non ci sono stati strascichi dopo gli ultimi risultati negativi e siamo convinti di poter fare bene anche su un campo estremamente difficile come quello di Bisceglie”.
Mai in questa stagione il Castellana aveva subito due sconfitte di fila e, dopo gli stop rimediati in trasferta con il Sogliano e in casa contro il Corato, l'obiettivo è quello di dimenticare il periodo no e di riprendere la corsa salvezza. Anche per questo, per la gara di Bisceglie, mister De Luca ha convocato 20 giocatori: c'è il rientro dopo la squalifica di Laporta, c'è il ritorno degli ex indisponibili Carlo Mastellone e Garofalo, non c'è l'egiziano Samy Adb-El Kader. Non ci sarà neppure il difensore Giuseppe Sigrisi, espulso contro il Corato e squalificato per due giornate dal giudice sportivo (nelle fila del Bisceglie, invece, fermato il centrocampista classe 1989 Maurizio Lestingi).
La partita tra Bisceglie e Castellana si giocherà a partire dalle ore 14,30 di domenica 26 ottobre nell'impianto di Ruvo di Puglia (su campo neutro e anche a porte chiuse).
Intanto, l'Asd Castellana ricorda che è possibile rivedere la partita casalinga contro l'Atletico Corato su Telenorba Sport (digitale terrestre): repliche previste per domenica 26 ottobre alle ore 19 e lunedì 27 ottobre alle ore 16.

Nardò Calcio: Ancora un rinforzo per mister Longo

25 ottobre 2008
Comunicato stampa Nardo Calcio

La Nuova Nardò Calcio rende noto di aver raggiunto l’accordo per l’ingaggio di un jolly di centrocampo. L’ultimo arrivo in casa granata va a rinfoltire e a rinforzare ulteriormente la truppa di under a disposizione del tecnico granata. Si tratta del calciatore Ingrosso Luigi (nella foto) e proviene dal S. Pancrazio. Originario di S. Pietro Vernotico, è nato il 19 settembre 1990 e nelle ultime settimane ha sostenuto regolarmente gli allenamenti con la prima squadra, dunque risulta già a completa disposizione del tecnico.

Real Altamura: La squadra rivuole mister Tudisco

25 ottobre 2008
di Ivan Commisso

Tre sconfitte consecutive (due in campionato e una giovedì per 2-0 in Coppa Italia contro l'Alberobello) sono state fatali a Francesco Tudisco, nella tarda serata di ieri sollevato dall'incarico di allenatore del Real Altamura. La dirigenza ha deciso di puntare su Leonardo Denora, altamurano, conoscitore della piazza e tre anni fa alla guida del Real che sfiorò il salto di categoria.
I giocatori, però, non sono d'accordo e lo hanno fatto capire con fermezza, disertando al completo la seduta d'allenamento. Un gatta da pelare non da poco per dirigenza e nuovo tecnico.
Il capitano Nicola Dibenedetto così spiega la posizione dei tesserati: «Denora mi ha calcisticamente cresciuto, nè io nè i miei compagni nutriamo il minimo dubbio sulle sue capacità. Ma mandare via Tudisco in questo momento non ci pare la decisione più saggia. Tudisco paga gli errori dei singoli e mancanze su diversi fronti. Ora che potevamo con più calma ritrovarci viene esonerato: non ci pare giusto. Noi calciatori siamo pronti ad assumerci le nostre responsabilità e faremo il possibile per far cambiare idea alla società. Ora non saprei dire come gli eventi possano evolvere. Domani avremo un altro confronto».
Il patron Lorusso (nella foto in alto) non pare però voler mollare: «I calciatori avrebbero potuto dimostrare l'attaccamento a Tudisco mettendone in pratica le direttive sul campo. Da parte nostra, dopo tre sconfitte consecutive era d'obbligo trarre delle conclusioni. Non intendiamo fare passi indietro».
Domani, a 24 ore dalla diffile trasferta di Ostuni, il redde rationem.

Usd Terlizzi: Fuori rosa Cesareo e Nocco

24 ottobre 2008
da Usdterlizzicalcio.it

La settimana seguita al pareggio interno con il Putignano (che ha portato il Terlizzi all'ultimo posto) è stata una delle più tribolate della storia recente del club rossoblù.
Si è aperta con il taglio di due giocatori, gli attaccanti Cesareo e Nocco, che dunque non fanno più parte della rosa. Una decisione presa dalla società che ha evidentemente valutato il rendimento dei due atleti.
"Ma non possiamo far ricadere le colpe di questa situazione su di loro e in particolare su Cesareo che è quello che ha giocato di più tra i due", precisa subito mister Mimmo Caricola (nella foto a sinistra).
Il quale anche per la trasferta di Sogliano dovrà fare i salti mortali per mettere in campo un undici competitivo. Tanto più che avrà di fronte la capolista Sogliano, già affrontata alla fine della scorsa stagione per il titolo regionale di Promozione, poi vinto dai salentini.
"Una squadra collaudata in cui ci sono stati innesti importanti, può vincere il campionato - dice l'allenatore di Carbonara - Ma noi non possiamo andare lì e difenderci soltanto. In questo momento sarebbe un errore snaturare il nostro gioco. Sono convinto che recuperando gli indisponibili questa squadra saprà risollevarsi, se poi dovesse arrivare un rinforzo per l'attacco...".
A proposito di attacco, la buona notizia è il rientro di Manzari cui la Disciplinare ha ridotto da sei a tre le giornate di squalifica dopo l'espulsione nella gara con il Liberty. Ancora indisponibili invece il difensore Landi, i centrocampisti Ronzullo e Anaclerio, l'attaccante under Zingaro. In dubbio Ricci.
La partita (ore 14,30) sarà diretta da Gagliani di Brindisi con gli assistenti Strada e Malagnino di Taranto.

Lucera Calcio: Pitta: "Il Cerignola ha meritato la vittoria"

24 ottobre 2008
da Usluceracalcio.it

Non ci sono mezze misure, il Cerignola ha meritato la vittoria, il primo tempo abbiamo giocato a viso aperto e abbiamo meritato il vantaggio, ma nella ripresa c'è stata solo una squadra in campo, il Cerignola. I panni sporchi li laviamo in famiglia, a buon intenditor poche parole! La verità è che abbiamo sottovalutato il Cerignola e abbiamo pagato la nostra presunzione, forse dovevamo scendere in campo con la migliore formazione e dopo magari a risultato acquisito, ammesso che tale ipotesi si fosse verificata, avremmo potuto fare i cambi necessari per far rifiatare i vari Salinno, Cannarozzi e Abbrescia. Ma il calcio è una scienza imperfetta, e con il senno del poi non si va da nessuna parte. Adesso concentriamoci sulla gara di domenica, è importante proseguire la striscia positiva in campionato, bisogna ritrovare l'entusiasmo dopo una brutta sconfitta che richia di buttare il morale sotto i piedi. Mi dispiace per Da Bellonio, si è infortunato al ginocchio nel momento migliore per lui, speriamo di recupertare De Stasio e speriamo soprattutto di non fare regali ai nostri avversari.

Gianni Pitta
presidente Lucera calcio

Real Altamura: Esonerato mister Ciccio Tudisco

24 ottobre 2008
di Giuseppe Clemente

In seguito alla sorprendente sconfitta rimediata in Coppa contro l'Alberobello, nella serata di ieri la società del Real Altamura ha provveduto ad esonerare il tecnico Francesco Tudisco (nella foto a sinistra).
Sulla panchina del Real torna dopo tre anni Leonardo Denora, protagonista del 3° posto e della finale play-off persa contro il Fasano nel primo anno di gestione Lorusso.
L'esonero non è stato accolto positivamente dallo spogliatoio che ha ribadito la sua fiducia al tecnico esonerato saltando l'allenamento odierno.

Asd Putignano - Virtus Casarano: Si gioca a Castellana

24 ottobre 2008
di Ivan Lupo

E' stata comunicato ieri, ufficialmente, dalla Lega Nazionale Dilettanti l'impianto di gioco che ospiterà la gara tra Asd Putignano e Virtus Casarano, valida per l'11.a giornata del massimo campionato regionale. Si tratta dello Stadio "Azzurri d'Italia" di Castellana Grotte (nella foto), campo peraltro già in uso alla locale formazione militante nel campionato di Eccellenza pugliese.
La decisione è stata presa di comune accordo dalle due società ed avallata dagli organi federali per la parziale inagibilità dello Stadio "Torino 49" di Putignano che, al momento, consente la presenza sugli spalti di sole 100 persone.

As Bisceglie: Un nuovo sponsor sulle maglie

23 ottobre 2008
di Alessandro Ciani Passeri

Una serata all'insegna del passato, presente e futuro quella trascorsa ieri sera all'Hotel Salsello di Bisceglie. Alla presenza di tutti gli esponenti della società nerazzurra, della squadra stellata allenata da mister Sergio Notariale e dei corrispondenti di tv e carta stampata, il Presidente Ennio Padalino ha avuto modo di presentare i ragazzi e lo staff tecnico che da Sabato prossimo inizierà, sul difficile campo del Real Bareltta, il torneo juniores regionale.
"La nostra società punta molto sul settore giovanile - ha con fermezza asserito il presidente del club biscegliese - In un calcio in cui i costi lievitano sempre di più, l'unica fonte di sostentamento affinchè un club possa portare avanti un'amministrazione sana e corretta è quella di poter valorizzare i ragazzi locali, non trascurando la funzione sociale che una squadra di calcio può rappresentare in una Città. Puntiamo molto su questi giovani atleti e siamo certi che grazie all'esperienza e alle qualità di mister Giuseppe Grosso, i valori tecnici di ognuno di loro saprà venir fuori alla grande."
Parlando di giovani biscegliesi il discorso si è poi spostato sulla storia del club, quest'anno giunto al 95° anniversario dalla sua fondazione.
Su un maxischermo presente in sala, sono stati proiettati i momenti, gli aneddoti e i personaggi che hanno caratterizzato la storia del Bisceglie Calcio, con il commento puntuale del presidente Padalino.
La parola è poi passata al dirigente responsabile Marketing e comunicazione Enzo Pedone, che ha illustrato le altre iniziative in programma per celebrare questo importante anniversario. "Abbiamo organizzato dall' 8 al 22 Novembre, come comunicato nei giorni scorsi, una mostra fotografica sulla storia della gloriosa società nerazzurra in cui saranno esposte le foto dei momenti, dei personaggi e delle squadre che hanno caratterizzato questo lungo percorso storico. Inoltre, stiamo organizzando per il periodo natalizio, un triangolare con squadre blasonate di categoria superiore, il cui incasso sarà interamente devoluto in beneficenza."
La serata si è poi conclusa a sorpresa con la presentazione dello sponsor principale per la stagione in corso. Sarà il logo Cocomèro, noto marchio a livello nazionale di abbigliamento, di proprietà della Antony S.r.l., ad accompagnare il club stellato in questo affascinante campionato d'Eccellenza 2008/2009. Alla serata era presenta Carlo Acquaviva, tra i proprietari della nota azienda biscegliese, il quale con entusiasmo ha augurato che il marchio Cocomèro e la società nerazzurra possano insieme raggiungere traguardi ambiziosi per il prossimo immediato futuro.

C. Italia: Acd Massafra - Manduria S. 1-0

23 ottobre 2008
da Blunote.it

Il Massafra si aggiudica il match d’andata degli ottavi di Coppa Italia regionale, battendo il Manduria di misura, al termine di un confronto equilibrato. Sin dalle prime battute i giallorossi cercano di far valere la differenza di categoria.
Al 15' Montanaro, su suggerimento di Magno, manca la deviazione sottoporta.
Al 23' Cimino, dai 25 metri, prova a beffare Leone, ma la sfera si stampa sulla traversa.
Ospiti vicinissimi al vantaggio al 26': Abbracciavento non trova l'attimo giusto per il tiro in mischia e Ricci salva in extremis.
Un minuto dopo il diagonale di Tommasi termina fuori d’un soffio.
Alla mezz'ora i padroni di casa si riaffacciano dalle parti di Annicchiarico bravo, nella circostanza, nell’opporsi di pugni sulla punizione di Magno.
Massafra sprecone al 42'. Magno colpisce in pieno il palo su calcio di punizione. Sulla respinta Montanaro, a porta semivuota, conclude sul portiere disteso per terra.
Nella ripresa, subito, Pettinicchio opera un doppio cambio. Fuori Leo per Ferrara, mentre De Virgilio lascia spazio a Russo. Colagiorgio conserva l’undici iniziale.
Secondo tempo noioso. Unico tiro (19') di Nazaro con la palla che termina sul fondo.
Al 40’ il gol partita: Russo si accentra e serve Montanaro in piena area. Per l'attaccante, stavolta, superare Annicchiarico è sin troppo facile.

ACD MASSAFRA
Leone, Ricci, Nazaro, Speciale, Pascullo (32’ st Piccolo), Zaccaro, Leo (1’ st Russo), Montecasino, Montanaro I., Magno, De Virgilio (1’ st Ferrara M.). A disp: Cantore, Macaluso, Montanaro A., Mancino.

MANDURIA SPORT
Annicchiarico, Ancora (20’ st Cocciolo), De Simome (26’ st Forleo), Papa, De Gioia, Troccoli (11’ st Fanulli), Maglietta, Tommasi, Abbracciavento, Ciccarese, Cimino. A disp: Pecoraro, Ferrara T., Masi, Gennari.

C. Italia: As Bisceglie - Atl. Corato 2-0

23 ottobre 2008
di Alessandro Ciani Passeri

Torna alla vittoria il Bisceglie di Notariale grazie ad un secco 2-0 rifilato al Corato nella gara d'andata degli ottavi di Coppa Italia (un'azione di gioco nella foto di Coratolive.it).
Un risultato che potrebbe star anche stretto alla formazione di casa, viste le innumerevoli palle goal non capitalizzate dagli avanti nerazzurri. Protagonista dell'incontro il biscegliese verace, ex neroverde, Mattia Pasculli, che ben ha sfruttato la chance offertagli oggi da Notariale di partire titolare dal primo minuto.
Due reti di pregevole fattura e una prestazione ben oltre la sufficenza per lui che, quest'oggi, è stato anche onorato di indossare la fascia di capitano (Di Pinto è partito dalla panchina).
Entrambi i tecnici hanno dato vita ad un ampio turnover: per il Bisceglie difesa inedita con Colangelo a destra, la coppia Angelico-Santoli al centro e Schitrone a sinistra. La zona di centrocampo composta da Balducci, Lestingi, Di Bari e De Toma, con Petruzzella supportato da Pasculli in attacco.
Nel Corato in tribuna Tritta e La Notte, in panca Leonetti, Sardella, l'attacco è affidato al bomber Pace e ai giovani Iacobone e Di Domenico.
Dopo l'iniziale fase di studio, all' 8' è Cacciapaglia a provarci dalla distanza senza fortuna.
La risposta sta nei piedi di De Toma che, incuneatosi in area, sbaglia la conclusione dopo un bell'assist di Petruzzella.
Un minuto dopo ci prova senza grosse velleità Iacobone, ma Cagnazzo blocca senza problemi. E' il Bisceglie a fare la partita, con Petruzzella che più volte va vicino alla rete.
Al 34' Pasculli riceve palla dalla mediana, converge al centro, si libera di un avversario e scarica un potente destro che vale l'1-0.
Al 40' il Bisceglie potrebbe raddoppiare ma Petruzzella conclude a lato da ottima posizione.
Al 44' il Corato va in rete ma Campanale è in fuorigioco al momento della finalizzazione dell'assist di un ottimo Iacobone. Termina così la prima frazione.
Nel secondo tempo mister Lotito manda in campo forze fresche. Dentro uno dei tanti ex, ovvero la punta Leonetti, per il giovane Di Domenico. Ma il cambio non sortisce effetti, è ancora il Bisceglie a sfiorare più volte il goal prima con una conclusione di De Toma al 2' respinta da Camporeale, poi con una punizione di Di Bari di non molto sopra il montante.
All 8' Bisceglie ancora vicino al raddoppio con Petruzzella ma l'attaccante molfettese, a tu per tu con Camporeale, manda clamorosamente a lato.
Lotito cambia ancora, dentro l'esperto Sardella per il bomber Pace. E' il Bisceglie però che continua a macinare gioco producendo diverse palle goal.
Al 19' su assist di Pasculli, De Toma entra in area ma viene atterrato dal portiere Camporeale.
Sarebbe rigore ed espulsione per il numero uno ospite, ma l'arbitro lascia clamorosamente proseguire.
Il Bisceglie cambia, fuori Petruzzella per il bomber Amedeo Di Pinto. Al 23' è proprio Di Pinto ad andare vicino alla marcatura ma la sua conclusione non trova fortuna.
Il goal è nell'aria e al 24' giunge ancora con Pasculli, bravo a incunearsi tra le difese avversarie finalizzando una prolungamento di testa di Di Pinto su assist di Di Bari. Il numero 10 di casa, quest'oggi migliore in campo, va ancora vicino alla rete un minuto dopo, ma la sua conclusione è fuori misura.
I restanti minuti di gara non portano a ulteriori sussulti, con i nerazzurri che riescono ad amministrare il gioco portando a casa un risultato significativo per il possibile passaggio del turno. Gara di ritorno in programma il 6 Novembre alle ore 14,30 allo stadio comunale di Corato.

AS BISCEGLIE
Cagnazzo, Colangelo, Schirone, Santoli, Angelico, Lestingi, Balducci (41'st Mennuni), Di Bari, Petruzzella (19'st Di Pinto), Pasculli (27'st Moreo), De Toma. A disp: Grondona, Frappampina, Moreo, Saracino, Di Pinto, Mennuni, Malerba.

ATLETICO CORATO
Camporeale, Abbasciano, Cataldo, Cannillo, Abbrescia, Cacciapaglia, Campanale (20'st Asselti), Curci, Pace (8'st Sardella), Di Domenico (1'st Leonetti), Iacobone. A disp: Di Niccolo, Martinelli, Santarsiero, Asselti, Frascolla, Sardella.

C. Italia: Lucera Calcio - A. Cerignola 1-3

23 ottobre 2008
da Sundayradio.it

Il Lucera rimedia una sonora e meritata sconfitta al Comunale contro l'Audace Cerignola, che milita in Promozione, nella partita di andata degli ottavi di Coppa Italia Dilettanti.
Un risultato pesante che potrebbe avere ripercussioni sul morale della squadra che domenica prossima affronterà in casa il Massafra. Non sappiamo quanto la Società tenesse, prima della gara di oggi, a proseguire il cammino in Coppa; sta di fatto che Di Stefano ha schierato una formazione ampiamente rimaneggiata, lasciando in panchina Cannarozzi, Salinno, Abbrescia e Curci, con Rizzi davanti a dar manforte a Zoila e Cardone.
I Biancocelesti sono partiti molto bene e già dopo quaranta secondi, Rizzi ha impegnato, con un forte tiro il portiere ospite, costringendolo alla respinta che Cardone non ha saputo ribadire in rete da posizione molto favorevole.
Nei minuti successivi, con altre conclusioni sottoporta, i padroni di casa sono andati vicini alla marcatura ancora con Rizzi, Palumbo e Zoila. Alleggerita la pressione, l'Audace ha effettuato alcune belle conclusioni dalla distanza con Conte e Zitoli, che, al 20', ha colpito la traversa.
Ma è stato il Lucera ad andare in vantaggio, un minuto dopo, al 21', con un tiro dal limite di Raffaello.
Segnato il goal, gli uomini di Di Stefano hanno controllato la reazione del Cerignola abbastanza agevolmente. Infatti, gli ospiti sono tornati ad impensierire Giacobbe solo al 41' con l'attivissimo Battaglia, tra i migliori in campo.
Nel secondo tempo, la partita ha cambiato volto; il Lucera è tornato in campo con la certezza di avere in pugno la partita; ha colpevolmente sottovalutato gli avversari, compagine grintosa e veloce, ed è stato giustamente punito. Tre goal e almeno altre otto occasioni di vero pericolo degli ofantini hanno schiantato i padroni di casa; in questo naufragio si è distinto Giacobbe con una serie di interventi da vero fuoriclasse.
Di Stefano, a un certo punto, visto lo strapotere della squadra allenata da Zinfollino e l'incapacità dei suoi di imbastire uno straccio di azione ragionata, ha mandato in campo Cannarozzi e Salinno, gli unici a concludere a rete al 28' e al 37'.
Le marcature ospiti sono state siglate da Albanese, al 14'; da Ciardi, al 36'; e da Conte, al 48'.
A fine partita, applausi del pubblico locale per l'Audace e forte contestazione rivolta a Di Stefano e a gran parte della sua squadra.

LUCERA CALCIO
Giacobbe, Piazzolla (A), Mascia, Raffaello, Palumbo, Vacca, Trotta (23'st Cannarozzi), Da Bellonio (10'st Salinno (A), Zoila, Rizzi, Cardone (14'st Lambiase).

AUDACE CERIGNOLA
Nicolamarino, Pasculli, Papagno, Valentino, Ciardi, Militello, Conte, Albanese (31'st Ciccone), Bollino (38'st Tupporotunno), Battaglia (A), Zitoli (12'st Fiorella).