Ricordiamo a tutti i lettori che mettiamo a disposizione un sistema aperto che permette nella maniera più democratica di commentare liberamente qualunque notizia, attivando così dei forum di discussione. E' un modo di partecipazione alla vita calcistica dell'Eccellenza pugliese, ma non deve diventare occasione di sfogo volgare. Mantenete sempre alto il livello di civiltà ed evitate di offendere gli interlocutori. Per commentare le notizie occorre disporre di un profilo GOOGLE o BLOGGER.

Asd Putignano - Lucera Calcio 1-3

28 settembre 2008
Ufficio stampa Asd Putignano

Non c'è gloria per l'ASD Putignano Calcio, sconfitto anche contro il Lucera nella quinta giornata del campionato di Eccellenza pugliese: allo stadio "Azzurri d'Italia" di Castellana Grotte la squadra del presidente Piero Damaso butta alle ortiche una partita ben disputata e tante occasioni da rete. E così resta ancora lo zero in classifica.
Novità nell'undici iniziale: mister Porzia getta subito nella mischia il neo-acquisto Lodeserto, portiere ex Maruggio, in sostituzione dell'infortunato Lacandela. In difesa confermati De Tullio, Belforte, Diniddio e Grazioso; Di Donato, Vittore, Costanza e Gentile a centrocampo, Capogrosso e Testone in attacco.
Dopo un inizio guardingo, al 10' passano gli ospiti: c'è una punizione per il Lucera ribattuta dalla barriera, Abbrescia la devia di testa per Antonio Cardone, scattato sul filo del fuorigioco, che castiga Lodeserto.
Il Putignano, però, non subisce il colpo e continua a macinare gioco: al 14' il tiro strozzato di Testone finisce a lato; Costanza ci prova dal limite ma il tiro è fiacco (20'), Grazioso combina con Testone ma il suo sinistro è parato in due tempi da Giacobbe (22').
5 minuti dopo De Tullio non riesce a trovare la palla proveniente da una punizione calciata da Testone.
Al 28’ Di Donato si invola in area, cade ma quello che sembra un rigore è per l’arbitro una simulazione.
Al 32’ finalmente giunge il pareggio: la punizione pennellata da Testone è messa in rete di testa da Grazioso.
Il Putignano attacca a man bassa ma, in pieno recupero, Cannarozzi (nella foto in alto) s'inventa un grande gol salendo in cielo ed incornando imparabilmente.
Nell'ulteriore minuto di recupero Capogrosso riesce quasi a pareggiare subito ma la difesa foggiana fa buona guardia.
Nella ripresa il copione è lo stesso: il Putignano spinge ma senza trovare la rete.
All' 11' il tiro di Capogrosso è parato facilmente così come quello di Costanza al 17' e di Di Donato al 18'.
Al 19' l'unica azione ospite della ripresa con Cardone che serve al centro Cannarozzi il cui tiro è salvato da Gentile davanti alla porta.
Al 28' Giacobbe non blocca in presa alta e Capogrosso ci prova in rovesciata ma la conclusione è salvata sulla linea.
Al 32’ l'imprendibile Di Donato si invola sulla destra e calibra per Vittorione, da poco entrato, che sbaglia il controllo in area.
Un minuto dopo lo stesso avanti rosso-blu non riesce a deviare su cross del solito Di Donato e al 35' Grazioso fa da ponte per Luceri il cui tiro basso é parato da Giacobbe.
Al 45’ ci prova anche Vittore ma la difesa lucerina è invalicabile.
A tempo ormai scaduto, con il Putignano riversato in attacco, Scarano, lanciato in contropiede, conclude l'azione di rimessa battendo l'incolpevole Lodeserto.
La prossima gara che disputerà l'ASD Putignano sarà giovedì 2 ottobre, per la sesta giornata del campionato di Eccellenza, nella trasferta di Bari contro la Japigia (ore 15,30).

Nardò Calcio - Virtus Casarano 0-2

28 settembre 2008
da Virtuscasarano.it

La Virtus vince e si riprende la vetta solitaria della classifica.
Un gol per tempo, il primo di Bonaffini con una staffilata da fuori area ed il secondo a tempo scaduto di Villa con una splendida punizione, consentono ai rossoazzurri di battere il Nardò Calcio, squadra che, a dispetto della classifica, ha mostrato un buon calcio.
Mister Bianchetti tiene a battesimo l’esordio di Rollo e Villa in questo campionato, inserendo l’under in difesa al posto di De Icco e l’attaccante in compagnia di D’Anna e Sanguinetti. Sulla linea difensiva, oltre a Rollo, trovano spazio capitan Calabro, Niccolini e l’altro under Fazio, mentre a centrocampo il rientrante Rocco è affiancato da Marchi e Bonaffini.
Prime battute di marca esclusivamente rossoazzurra. Al 3’ ci prova subito Villa con un calcio di punizione dalla tre quarti, ma il tiro non inquadra lo specchio della porta. Un minuto dopo ancora Villa, su servizio di Sanguinetti, calcia debolmente tra le braccia del portiere granata Bassi. Sull’azione successiva è D’Anna a vedersi respingere il tiro dalla difesa di casa.
Break del Nardò al 12’ con una punizione di Tartaglia dalla tre quarti facile preda di Leopizzi.
Il Casarano, costantemente in attacco, sfiora il vantaggio al quarto d’ora con Villa che, ben imbeccato da un cross di Sanguinetti, colpisce di testa ma la sfera termina fuori di pochissimo.
Un minuto dopo altra occasionissima con Marchi che tenta il tiro da distanza impossibile cogliendo un clamoroso incrocio dei pali a portiere battuto.
Il Nardò controlla bene gli attacchi dei rossoazzurri, non disdegnando le ripartenze che, però, non trovano nessun terminale offensivo.
Al 35’ è Villa, lanciato a rete, a tentare il gol, ma Bassi è bravo nell’anticipo.
Cinque minuti dopo, però, la Virtus ottiene il meritato vantaggio; ancora una punizione di Villa dalla tre quarti, la difesa granata ribatte, ma il più lesto di tutti è Bonaffini che, recuperata la sfera al limite dell’area, lascia partire un bel tiro che si insacca alla destra di Bassi.
Prima del fischio del direttore di gara c’è spazio ancora per un paio di occasioni, una per parte: al 42’ ci prova Patera dalla distanza, ma Leopizzi è attento; al 46’ Sanguinetti manca di un soffio la deviazione su passaggio di D’Anna. Il primo tempo termina così, dopo due minuti di recupero, con la Virtus mai impensierita dagli avanti granata.
Il primo quarto d’ora della ripresa vede il Nardò riversato in avanti alla ricerca del fulmineo pareggio. Al 2’ corner bloccato in presa alta da Leopizzi; al 4’ ci prova Volturno su punizione ma il tiro è abbondantemente alto; al 7’ altro corner per il Nardò con Leopizzi di nuovo fuori dai pali a bloccare la sfera.
Al quarto d’ora si rivede la Virtus: Sanguinetti riceve un passaggio invitante da Villa, ma il bel diagonale del cileno è respinto da Bassi. Ritorna il monologo rossoazzurro, con Villa e Sanguinetti che si cercano costantemente creando diversi pericoli alla retroguardia granata. L’occasione più limpida capita al 20’ a Sanguinetti che, servito da un preciso filtrante di Villa, si trova a tu per tu con l’estremo difensore granata, ma conclude a lato.
Per rivedere il Nardo’ in avanti bisogna attendere il 34’, ma l’azione è di quelle da brividi: cross in area di Striano ma né Volturno, né il neo entrato Fontana riescono a trovare la deviazione; a sbrogliare la matassa ci pensa il tandem Niccolini-Calabro.
Girandola di sostituzioni tra il 35’ ed il 38’: entrano a turno Palma per D’Anna, Masciullo per Volturno, Marchetti per lo sfortunato Fontana (la gara dell’under neretino dura solo 13 minuti) ed infine Rosciglione per Rocco.
Il copione non cambia, il risultato si: al 93’ Villa, caparbio, conquista una punizione dal limite dell’area. Lo stesso attaccante si incarica della battuta e, con un’esecuzione magistrale, manda il pallone alla destra di Bassi (foto: covodelleserpi.com).
E’ festa sotto la tribuna occupata dai tifosi casaranesi, anche oggi presenti in maniera massiccia (oltre 1000), ed è festa per Villa al suo primo centro in maglia rossoazzurra. Il direttore di gara, sig. Mazzei di Brindisi, un minuto dopo fischia la fine del match.
La Virtus mette alle spalle lo stop di sette giorni fa e ritorna a guardare tutti dall’alto.

Boys B. Calcio - Ucd Japigia 3-1

28 settembre 2008
di Ferdinando Garramone


Il Brindisi Calcio 1920 di Mr. Gori si impone meritatamente tra le mura amiche del “Fanuzzi” per 3-1 contro lo Japigia Bari, torna alla vittoria in campionato che mancava dalla 1.a Giornata e sale in classifica a quota 7, al termine di un match (valido per la 5° Giornata di Andata) ben interpretato sia sotto il profilo del gioco che del carattere.
La cronaca. I biancoazzurri di casa, intenzionati a riscattare le due sconfitte consecutive con Bisceglie e Lucera, partono forte e, dopo aver sfiorato il vantaggio al 5’ con un rasoterra di Disantantonio a lato di un soffio, sbloccano il punteggio all’11’, sugli sviluppi di uno schema su punizione dai 20 metri, con il tocco corto di un compagno per il solito sinistro ad effetto di Disantantonio, che scavalca la barriera e si infila alle spalle dell’incolpevole n. 1 ospite Ferrara per l’1-0.
Japigia Bari in difficoltà per tutto il primo tempo, nettamente di marca brindisina, con Disantantonio sugli scudi, pericoloso ancora su punizione dai 25 metri al 32’ (sfera alta di poco sulla traversa), mentre Carbone al 42’ sfiora il raddoppio con un sinistro rasoterra finito a fil di palo. Si va, così, negli spogliatoi sull’1-0.
La ripresa si apre con l’episodio dell’espulsione del capitano barese Gagliardi, reo di aver simulato un intervento falloso ai suoi danni in area brindisina da parte di Fraticelli ed ammonito per la seconda volta dal direttore di gara.
Il Brindisi, forte anche della superiorità numerica, a questo punto ne approfitta e, dopo aver sbagliato il raddoppio con Carbone al 12’, mette a segno il 2-0 al 26’ con Frascaro (nella foto in alto), freddo davanti al portiere avversario sul bell’assist rasoterra dalla sinistra di Disantantonio.
Gli ospiti si rendono pericolosi solo al 31’, con Zagariello che costringe Laguardia a rifugiarsi in corner sulla sua conclusione da distanza ravvicinata, ma al 33’ ancora Frascaro, stavolta su assist di Carbone, sigla il 3-0 sempre con un preciso piatto destro e chiude il match, dato che solo in pieno recupero arriva il “gol della bandiera”, realizzato per i gialloverdi ospiti dal n. 9 Zagariello per il 3-1 finale.
Giovedì, intanto, altro turno infrasettimanale di campionato, con il Brindisi impegnato per la 6° Giornata di Andata nella insidiosa trasferta in programma contro il Massafra di Mr. Pettinicchio, uscito indenne dal Comunale di Ostuni.

BOYS B. CALCIO
Laguardia, Borghese (21’st Scozia), Lo Noce, Giordano, Fraticelli, Edjekpan, Frascaro, Amadu (21’st Vatalaro), Carbone, Disantantonio, Greco (9’st Golia). A disp: Petrarolo, Galzarano, Pepe Esposito, Rodrigues.

UCD JAPIGIA
Ferrara, Loseto, Gagliardi, Faccitondo, Piperis, De Palma, Genchi (27’st Cisternino), Iacobellis, Zagariello, Tenzone F., Grandolfo (10’st Chiodo). A disp: Leleuso, Mastrolonardo, Midio, Bottarico, Daddario.

Nardo' Calcio - Virtus Casarano: Guarda il derby qui!

28 settembre 2008
di Redazione

Il derby salentino tra Nardò Calcio e Virtus Casarano, valevole per la 5.a giornata di andata del campionato di Eccellenza pugliese 2008/2009, sarà trasmesso questo pomeriggio su Salento Channel (952 di Sky) a partire dalle ore 15.20.
Potete guardare l'atteso derby anche online cliccando sul logo a sinistra.

Anticipo: Asd Liberty - Asd Castellana 1-0

28 settembre 2008
di Redazione


Nell'anticipo di ieri tra la corazzata Liberty e la matricola Castellana è uno sfortunato autogol del difensore stellato Sigrisi, all'87', a regalare i tre punti ai padroni di casa.
L'azione decisiva parte da un colpo di testa dell'argentino Suarez col portiere ospite Lacenere che esce dai pali e si scontra con Sigrisi che, inavvertitamente, tocca la sfera indirizzandola verso la porta sguarnita.
E' l'87', come già detto, e la formazione di mister De Luca (nella foto) non trova più nè il tempo, nè le forze per reagire.
La partita, prima del succitato episodio, era stata decisamente equilibrata con due palle-gol per parte ed un Castellana che aveva retto bene alle incursioni dei baresi nonostante il divario tecnico.
Il Liberty di mister Catalano, con questa vittoria, raggiunge temporaneamente la Virtus Casarano al secondo posto (9 punti) e diventa spettatore interessato della 5.a giornata con un occhio particolare ai match di Nardò, Ostuni e Corato.
Il Castellana dopo le ottime prestazioni contro Nardò, Real Altamura e Copertino non riesce a proseguire la mini serie di risultati utili, ma esce dal sintetico del San Paolo (campo designato per l'occasione) a testa decisamente alta.

Virtus Casarano: Alla ricerca del pronto riscatto

28 settembre 2008
di Ivan Lupo
Dopo l'immeritata sconfitta di Locorotondo, la Virtus si rituffa in campionato alla ricerca del pronto riscatto.
Ad attenderla al varco ci sarà il Nardò di mister Lepore, squadra che, nonostante il blasone, punta ad una tranquilla salvezza (per le note vicissitudini societarie).
Mister Bianchetti dovrebbe riconfermare la formazione di Locorotondo, con il debuttante Villa (già provato in Coppa Italia) al posto del bomber cileno Sanguinetti. Non è escluso, però, l'impiego del tridente Villa-Sanguinetti-D'Anna (nella foto) che significherebbe panchina per l'ottimo difensore Davide De Icco, sostituito sulla fascia destra dall'under Rollo.
Il Nardò, dal suo canto, tenterà di riscattare davanti ai suoi tifosi le deludenti prove con Tricase e Terlizzi, provando a fermare una delle favorite al salto di categoria.
Mister Lepore, che in Coppa Italia ha usufruito del turn over, dovrà rinunciare allo squalificato De Benedictis, ma ritrova Buono e Striano dal primo minuto.
Queste, dunque, le probabili formazioni:

Nardò Calcio: Bassi, Marchetti, Buono, Esposito, Collaro, De Padova, Polo, Tartaglia, Striano, Patera, Volturno.
Virtus Casarano: Leopizzi, De Icco (Rollo), Fazio, Marchi, Niccolini, Calabro, Palma, Rosciglione (Rocco), Sanguinetti (Villa), Bonaffini, D’Anna.

Il derby testa-coda richiamerà sicuramente sugli spalti del "Giovanni Paolo II" di Nardò il pubblico delle grandi occasioni, come da tradizione per le due tifoserie, con circa un migliaio di tifosi ospiti previsti.
Appuntamento per le 15.30. Dirige l'incontro il sig. Mazzei di Brindisi.

Stef. Sogliano - As Bisceglie: Si sfidano le inseguitrici

28 settembre 2008
di Emanuele Galantino


Oggi il Bisceglie renderà visita alla matricola terribile Sogliano.
Entrambe le squadre arrivano all'appuntamento di domani in un ottimo stato di forma, testato dalle brillanti prestazioni fornite in Campionato e in Coppa.
I leccesi vogliono bissare le ultime due vittorie ottenute in trasferta a Corato e in coppa con il Nardò.
I baresi invece sono chiamati a confermarsi dopo le vittorie ai danni di Putignano e Real Barletta. Sul campo di Sogliano assisteremo ad un incontro al vertice, in cui le due compagini non esiteranno a darsi battaglia per non perdere terreno nei confronti delle capolista Ostuni e Locorotondo.
I soglianesi allenati da mister Cudazzo (nella foto a sinistra) scenderanno in campo con un duttile 4-3-3 composto da Sakho in porta; Biasco, Schito, Ricciato e Melissano in difesa; le chiavi del centrocampo saranno affidate a Mortari supportato da Branà e Lentini; l'attacco esplosivo sarà formato dal duo ex-Copertino DeBenedictis-Tondo insieme alla punta esterna Spagna.
Il Sogliano visto a Corato ha offerto numerosi spunti positivi: squadra molto compatta che fa del collettivo la sua arma migliore. Ovviamente gli uomini chiave sono il pivot De Benedictis e il centrocampista Mortari chiamato a dare fantasia al team leccese. Brillanti sono inoltre i players Branà e Lentini chiamati a fare spola fra attacco e difesa.
Di fronte ci sarà il compatto Bisceglie.
I neroazzurristellati sono partiti ad inizio stagione a fari spenti, ma le recenti prestazioni stanno confermando l'ottimo lavoro svolto da mister Notariale (nella foto in alto) in fase di precampionato.
L'arma migliore dei biscegliesi è l'ottima fase difensiva. Il solo gol subito fino ad ora in campionato è la dimostrazione dell'attenzione della retroguardia biscegliese in fase di ripiegamento.
Qualche problema è invece presente in attacco: sono rimasti ancora a secco i vari Di Pinto, Petruzzella e Saracino apparsi spesso isolati lì in avanti. Come già dichiarato da mister Notariale domenica scorsa in sede di commento, il Bisceglie si impegnerà ancora di più per espimere maggior incisività in fase d'attacco cercando di fluidificare la manovra e cercando di cambiare qualche pedina per dare più imprevedibilità all'attacco biscegliese.
Mister Grosso (sostituirà lo squalificato Sergio Notariale) manderà in campo Cagnazzo tra i pali; Frappampina, Lasalandra, Di Donna e Schirone in difesa; Di Bari, Mazzone e Balducci a centrocampo; Pasculli, Di Pinto e Saracino in attacco. Si tratta di un 4-3-3 molto accorto con i tre centrocampisti a fare da filtro alla difesa.
Come detto il punto di forza neroblu è la difesa capeggiata dal granitico Roberto Lasalandra. A centrocampo spicca la stella di Di Bari, metronomo della squadra. In avanti la difesa soglianese dovrà tener d'occhio l'esperto Di Pinto e il veloce Pasculli.
Gli ingredienti della partita sembrano presagire un incontro denso di spettacolarità e molto agonismo. Non resta che dare la parola alla gara, che ci dirà chi tra Sogliano e Bisceglie è destianata a tallonare le squadre di testa.
Appuntamento a domani, ore 15.30, Stadio Comunale in sintetico di Sogliano Cavour.
Note: si prevede una discreta presenza di tifosi ospiti, sino ad ora presenti in ogni trasferta della compagine adriatica.

Ucd Japigia: Mastrolonardo salta anche la gara di Brindisi

27 settembre 2008
da Soccerpuglia.it

Dopo il pareggio subito nell'ultimo giro di lancette della gara con l'Ostuni e aver preso atto dell'eliminazione in Coppa Puglia in virtù del successo molese sul campo del Polignano, lo Japigia si prepara ad affrontare in trasferta il Boys Brindisi.
Una partita che si preannuncia molto ostica per i ragazzi di Boccasile non solo per l'oggettivo spessore dell'organico brindisino, ma anche per il momento non certo idilliaco che vive la compagine biancazzurra, sconfitta nel turno precedente dal Lucera per cinque a zero.
Le due squadre sono distanziate in classifica solo da un punto, il B. Brindisi ha totalizzato quattro punti in altrettante giornate, scaturiti da un successo un pareggio e due sconfitte, una lunghezza in meno per lo Japigia che ha inanellato tre pareggi e una sconfitta nel derby con il Liberty.
Mister Boccasile anche in questa gara dovrà rinunciare all'apporto dell'esperto centracompista Giulo Mastrolonardo (nella foto) ancora alle prese con guai fisici che non gli stanno consentendo di dare alla squadra il proprio apporto esperienziale che è risultato fondamentale nel campionato scorso.
Al posto di Mastrolonardo giocherà presumibilmente Jacobellis. Sulle corsie laterali dovrebbero agire Genchi e Dammacco, mentre Tenzone cercherà di innescare l'unico terminale offensivo Zagaria.

Nardo' Calcio: Cresce l'attesa per il derby col Casarano

27 settembre 2008
da Portadimare.it

Sale la febbre per il Derby del Salento (nella foto la splendida cornice di pubblico della scorsa stagione), una sfida affascinante ma che giunge in un momento sbagliato per il Nardò di mister Lepore, non ancora al top della forma e quindi non al passo con le altre squadre.
Quattro le giornate giocate finora: un solo punto racimolato per i granata, ben nove per i rossoazzurri e ancora tutto il campionato davanti. Il Nardò ha tutto il tempo quindi per migliorarsi e provare a risalire la classifica, anche perché le altre squadre sembrano essere alla portata dei granata; la condizione generale della squadra poi, apparsa poco brillante nelle prime uscite stagionali è in netto miglioramento.
In un periodo in cui, per mister Lepore, non tutto ha girato per il verso giusto e in cui si è badato soprattutto a cercare di recuperare completamente alcuni giocatori e a creare una maggiore coesione di gruppo, anche altri fattori hanno pesato sul bilancio negativo dei granata, qui ci sarebbe da fare un discorso lunghissimo sugli arbitri e sulla loro preparazione tecnica e psicologica ma lasciamo stare, a fine campionato come di solito tireremo le somme, sperando in un risultato non troppo penalizzante.
Adesso bisogna concentrarsi sulla partita, in campo e sugli spalti serve l'orgoglio.
Il match sulla carta sembra essere già scritto, anche se queste sono quelle partite che vince solo chi ha più motivazioni dentro, ed il Nardò potrebbe puntare soprattutto su questo, visto che i valori in campo sono nettamente a favore degli ospiti.
Il Casarano ha bisogno di un immediato riscatto e non vorrà fare sconti, cercherà di portare a casa l’intera posta in palio, reduce dall’inaspettata quanto immeritata sconfitta a Locorotondo di domenica scorsa. Una sfida tra due formazioni con diverse potenzialità e obiettivi opposti quindi. La promozione diretta per il Casarano è assolutamente alla portata in un campionato dove non sembrano esserci squadre in grado di insidiare le loro ambizioni, tutto sulla carta ovviamente.
Le spese economiche esorbitanti della società rossoazurra e un pacchetto giocatori all’altezza delle migliori formazioni di serie D e sicuramente di molte altre di serie C, dove la qualità dei singoli predomina su tutto, non può passare in secondo piano.
Differenze di valori in tutto rispetto al Nardò, i granata puntano esclusivamente alla salvezza e con un budget economico che ha come priorità il risanamento economico della società, anche qui bisognerebbe tener conto però, che una piazza come Nardò non può e non deve assolutamente avere a che fare con problemi che la relegano in situazioni tali, che il blasone e la tradizione di questa società non meritano.
Stesse mentalità e differenti stati d'animo anche per le due tifoserie più blasonate del Salento, che in questa categoria si sentono ingabbiate nell’anonimato e impelagate nelle sabbie mobili.
I Casaranesi guardano a questa partita come ad una sfida facile, da vincere assolutamente, i neretini invece ad una sfida in cui non c'è nulla da perdere. Una sfida vinta in partenza per molti casaranesi, lo si legge su vari siti d'informazione, ma l’impresa per i granata non è impossibile, soprattutto per la voglia di dimostrare ai propri tifosi di essere orgogliosi di indossare questa maglia. Adesso le aspettative stagionali passano in secondo piano, l’obiettivo primario è dare tutto in questo derby. Bisognerà battersi fino all’ultimo istante.

Usd Terlizzi: Ad Altamura con la novità Roselli

27 settembre 2008
da Usdterlizzicalcio.it

Dare continuità al primo successo in campionato con il Nardò.
E' l'obiettivo del Terlizzi che domani sarà impegnato al “D'Angelo” di Altamura contro il Real, rinfrancato dal risultato di domenica scorsa.
Non solo: in settimana è arrivata un'altra buona notizia, l'acquisto di Nicola Roselli (nella foto). L'esordio del forte laterale sinistro ex Noicattaro potrebbe essere la novità più ghiotta dell'undici che mister Caricola manderà in campo domani.
Naturalmente c'è fiducia nell'ambiente rossoblù, convinto di poter tornare dalla Murgia con un risultato utile, tanto più che i ragazzi di mister Tudisco non sono in un gran momento (solo due punti).
La gara (ore 15,30) sarà diretta da Meleti di Lecce, assistenti Pirro e Fidanza (Foggia).

Boys B. Calcio: Con lo Japigia senza Pinca e Di Nota

27 settembre 2008
di Ferdinando Garramone

Il Brindisi Calcio, reduce dal vittorioso impegno infrasettimanale di Coppa Italia con il Novoli, valso la qualificazione al turno successivo, si appresta ad affrontare la delicata gara interna con lo Japigia Bari, in programma al “Fanuzzi” in occasione della 5.a Giornata di Andata dell’Eccellenza pugliese, che prevede sfide molto interessanti come Corato-Locorotondo, Nardò-Casarano e Sogliano-Bisceglie.
Neanche il tempo di rifiatare, dunque, che si torna nuovamente a giocare in campionato, con l’obiettivo in casa adriatica di centrare un risultato positivo che consenta alla compagine biancoazzurra di muovere la classifica, ferma a quota 4 dopo le due sconfitte consecutive patite con Bisceglie e Lucera, ormai metabolizzate.
Seduta odierna, pertanto, dedicata alla consueta rifinitura del match con i baresi, preparato ancora una volta in pochissimo tempo, per via del “tour de force” di quest’avvio di stagione, particolarmente fitto di incontri ravvicinati.
Mr. Gori, rinfrancato dal successo dei suoi ragazzi per 2-0 di giovedì scorso contro i volenterosi giovani del Novoli, per l’occasione ha a disposizione l’intero organico, rinforzato dagli ultimi acquisti, ma deve fare i conti con le assenze per squalifica di Pinca e Di Nota (nella foto), mentre può contare sul rientro in avanti dell’under Greco, sicchè, in definitiva, può affrontare l’importante scontro diretto in chiave-salvezza con lo Japigia Bari con il morale alto e con un pizzico di ottimismo.
Impresa non facile, comunque, per il Brindisi del Presidente Gioia, considerato anche il “momento-no” attraversato dagli avversari di turno, reduci a loro volta dal pari interno di domenica scorsa con l’Ostuni capolista (capace di raggiungere l’1-1 in piena “zona Cesarini”) e dalla eliminazione subita in settimana in Coppa Italia (per effetto della vittoria del Mola sul terreno del Polignano, avendo riposato giovedì scorso, ndr.).
La squadra di Mr. Boccasile, peraltro alle prese con l’infortunio dell’esperto centrocampista Mastrolonardo, ha totalizzato sinora tre punti, frutto di tre pareggi e della sconfitta nel derby con il Liberty, e spera, dal canto suo, di uscire imbattuta dalla trasferta brindisina, per non aggravare ulteriormente la già deficitaria posizione in classifica.
Arbitro il Sig. Meleti di Lecce, fischio d’inizio alle ore 15,30, ingresso 10 € tribuna centrale poltronissime, 5 € tribuna centrale coperta e laterale, gradinata e curve.

Ostuni Sport: Nella Città Bianca arriva l'ostico Massafra

27 settembre 2008
da Retegialloblu.it

Quinta giornata del campionato di Eccellenza pugliese con l’Ostuni che ospita il Massafra, dopo il terzo turno di Coppa Italia che ha visto entrambe le formazioni promosse al turno successivo.
Senz’altro più impegnativa la sfida per l’Ostuni che incontrava il Locorotondo: 2-1 il risultato con cui i gialloblu hanno sconfitto gli itriani, con le reti di Monaco e Trovato che hanno ribaltato l’iniziale vantaggio di Beltrame.
I tarantini invece hanno prevalso sui cugini del Crispiano con un perentorio 4-1, risultato che consente ai giallorossi il passaggio del turno con l’impegno infrasettimanale utile per far rifiatare i titolari, dando spazio alle seconde linee.
In campionato dopo quattro turni le squadre sono distanziate di quattro punti, con i giallorossi costretti al recupero dai 3 pareggi consecutivi nelle ultime tre giornate: 3 ics che suonano, in certi casi, come mezze sconfitte, vedi la sfida interna col Real Altamura, in altri assumono ben diverso tenore, soprattutto se ottenuti in trasferta a Copertino e in casa contro una delle protagoniste più attese del campionato, il Liberty.
Un ruolino che può assumere diverse letture: da un lato il Massafra è imbattuto al pari delle due capolista e delle coinquiline Liberty e Copertino.
Altro punto a favore della formazione di Mister Pettinicchio, la difesa con un 1 goal subito in quattro match, tra l’altro realizzato su rigore da Tranfa (Real Altamura) e zero goal subiti in trasferta: un’organizzazione difensiva già apprezzata durante la gestione Maiuri ed un tabù che, ora, affronterà il test degli attaccanti gialloblu.
Note meno liete arrivano dall’attacco: 3 reti complessive e tutte ad opera dello stesso artefice, Ivano Montanaro a segno nelle prime due di campionato e fermo nelle altre due.
Insomma una squadra che fa della quadratura difensiva il fiore all’occhiello e affida, almeno per ora, le realizzazioni al suo attaccante principe.
Rispetto alla scorsa stagione è cambiata la guida tecnica: al posto di Mister Maiuri è arrivato il tarantino Giacomo Pettinicchio, allenatore storico per i massafresi in quanto, agli inizi di carriera, fu l’artefice della promozione nei Dilettanti nella stagione 1994/1995, annata nitidamente presente nei ricordi anche dei tifosi gialloblu per lo sfortunato epilogo. Quella fu la prima promozione ottenuta da Pettinicchio, la seconda la ottenne a Grottaglie nella stagione 2000-2001.
In rosa sono arrivati gli attaccanti Piccolo e Magno mentre è stato ceduto al Crispiano il gioiellino Turi, l’anno scorso in procinto di cambiare casacca causa l’interesse di molte compagini.
Piccolo, classe ’86, torna alla base giallorossa dopo l’esperienza di Martina in C1 dove ha collezionato 5 presenze e 2 reti. Magno, classe ’77, è il classico giocatore d’esperienza: un ultima stagione spesa a Polignano dopo aver vestito le maglie di Monopoli e Francavilla.
In difesa è arrivato Graziano Pascullo, difensore classe 1984, proveniente dal Noci, che assieme a Zaccaro forma una cerniera difensiva di assoluta garanzia.
Ultimo nome giunto alla corte di Pettinicchio è quello di Stefano Candita, lo scorso anno in forza al Fasano e che in passato ha indossato le casacche di Taranto, Chieti, Francavilla e Fasano: una squadra solida e di qualità, come di qualità sono gli ex gialloblu in campo: nel Massafra militano fra gli altri Leone, Montecasino e Morelli.
Sfida ostica per l’Ostuni di Mister Carbonella (squalificato per l’occasione), atteso al varco da una delle squadre meglio organizzate del campionato e test importante per l’attacco gialloblu che affronterà una delle difese più solide, almeno in queste prime giornate.

Asd Putignano - Us Lucera: Si gioca a Castellana Grotte

27 settembre 2008
Comunicato stampa Putignano calcio

Cambia ancora stadio l'ASD Putignano calcio, squadra impegnata nel campionato di Eccellenza pugliese: in attesa di definire gli ultimi dettagli per garantire l'intera capienza allo stadio "Torino '49" di Putignano - in occasione della sfida interna contro il Corato era stato disposto l'ingresso di sole cento persone - il sodalizio del presidente Damaso (nella foto) sarà impegnato contro il Lucera domani, domenica 28 settembre, a Castellana Grotte (h. 15,30) per la quinta giornata.
La squadra allenata da mister Porzia proverà a cancellare lo zero in classifica e a lasciare l'ultima posizione che attualmente ricopre.
Ospite della gara il lanciatissimo Lucera reduce dalla sonante vittoria contro Brindisi (5-0).

Asd Liberty: Contro il Castellana oggi al San Paolo

27 settembre 2008
da Calcioclub.nicholaus.it

Chiusa (e bene) la parentesi di Coppa con la vittoria in casa dell'Europa Grumese (a segno Uva e Loseto, Scarola per i padroni di casa) e la qualificazione alla fase successiva, il Liberty torna con la mente al campionato.
Oggi sul sintetico del San Paolo (ore 15,30, arbitro Di Stefano di Brindisi) per la quinta giornata (si gioca in anticipo e non al Della Vittoria per il concerto di Vasco Rossi) sarà di scena il Castellana del giovane tecnico De Luca (28 anni).
I ragazzi di Catalano, ancora imbattuti, vanno a caccia della seconda vittoria (dopo quella nel derby con la Japigia). Ancora rimandato l'atteso esordio di Francesco Bitetto che comunque è quasi pronto: il fantasista barese ex Monopoli dovrebbe tornare in campo nel turno infrasettimanale di giovedì a Tricase e nel successivo impegno interno con il Terlizzi.

L'INTERVISTA - Dario Loporchio (tra i pali nella foto a sinistra) è uno dei portieri più esperti dell'Eccellenza. Certamente, dopo quattro giornate, è il meno battuto. Insieme ai colleghi di Bisceglie (Cagnazzo), Massafra (Leone) e Sogliano (Sakho). Lui, autista Amtab, sui bus apre le porte a chi sale e chi scende. Quella del Liberty però vorrebbe tenerla sempre chiusa. Ci sta riuscendo. Un solo gol subito, da quel “diavolo” di Cannarozzi al minuto 89 in casa del Lucera, dove la vittoria sfuggì per un soffio. Un po' come domenica scorsa a Massafra, dove il Liberty fa gioco ma non riesce a trovare lo spunto vincente, pur andandoci vicinissimo con Suarez.
"Peccato - conferma il numero uno barese - abbiamo fatto la partita, rischiando poco ma non siamo riusciti a portare a casa la vittoria. La squadra è in crescita, ci sono molti giocatori nuovi e bisogna avere un po' di pazienza prima di ammirare il miglior Liberty".

Comunque quattro quinti della difesa sono gli stessi della passata stagione. E i risultati si vedono.
Sì, abbiamo sfiorato il primato della miglior difesa e speriamo di ripeterci o magari fare meglio. Con Tridente, Costantino e Rubini siamo molto affiatati ma è ancora presto per fare certi discorsi.

Un solo gol subito, cinque segnati (ma quattro alla Japigia), per due volte attacco a secco, nonostante bocche da fuoco come Suarez, Carminati e Uva.
A parte la difesa, la squadra è completamente rinnovata a centrocampo e in attacco, essendo rimasto solo Uva. Non credo ci sia da preoccuparsi. Arriveranno anche i gol.

Magari già dalla gara con il Castellana. A proposito: ti troverai di fronte il sempreverde Lopriore.
Grande attaccante, grande esperienza, come del resto Maggipinto. Entrambi sono stati miei compagni di squadra. Sarà dura, il Castellana ha giocatori che conoscono la categoria. Ma sono convinto che la vittoria non ci sfuggirà.

Intanto, il Locorotondo, zitto zitto, è in testa...
Ma non è una sorpresa. Lì c'è una società seria, che ti fa lavorare tranquillo. E poi, oltre ad ottimi giocatori, c'è un allenatore, Di Giovanni, che conosco bene per averlo avuto a Molfetta e che conosce come pochi la categoria. Sto rivedendo lo scorso campionato, con squadre che si alternano al vertice. Sarà così sino alla fine, è un torneo molto equilibrato.

Corso A.I.A. per arbitri di calcio

27 settembre 2008
Comunicato stampa AIA Brindisi

Vieni anche tu a fare l'arbitro di calcio!
Ogni anno la sezione A.I.A. di BRINDISI organizza corsi per aspiranti arbitri di calcio.
Tali corsi, completamente gratuiti, cominciano solitamente a partire dal mese di ottobre e durano all'incirca due mesi con frequenza bisettimanale.
Alla fine di questi corsi potrai cominciare anche tu a dirigere gare di calcio, ricevendo per le tue direzioni compensi economici e ti verrà data inoltre una tessera che permette di entrare gratuitamente in tutti gli stadi italiani per vedere gare di qualsiasi categoria.

Vuoi saperne di più? Ecco come fare.

· Vieni a trovarci, senza impegno, presso la nostra sede a BRINDISI, in Via Carmine 44, dal lunedì al venerdì dalle 18.00 alle 21.00.
· Chiamaci o mandaci un fax al n. 0831/529999
· Inviaci una e-mail all'indirizzo brindisi@aia-figc.it

F.A.Q.

Quando inizieranno i prossimi corsi arbitri?
Il nuovo corso arbitri inizierà ad ottobre 2008. Per qualsiasi informazione o curiosità, contattaci, saremo lieti di esserti d'aiuto.

Perché dovrei fare l’arbitro?
Perché è un’esperienza entusiasmante, che permette di formare il proprio carattere e la propria personalità e offre la possibilità di svolgere una sana attività sportiva non solo gratuita, ma anche retribuita. Inoltre hai la possibilità di conoscere molti nuovi amici e amiche arbitri, con i quali divertirsi e trascorrere il proprio tempo libero.

Che prerequisiti bisogna possedere per poter diventare arbitri di calcio?
Bisogna avere un’età compresa fra i 15 e i 32 anni, ambosessi, non avere precedenti penali o processi penali a carico, avere almeno un diploma di licenza media o titolo equipollente e non essere tesserati per la stagione corrente per nessuna società calcistica facente capo alla FIGC.

Quanto guadagna un arbitro ad inizio carriera?
Un arbitro ad inizio carriera che diriga gare quasi ogni domenica guadagna dai 1500 ai 2000 € all’anno netti, sui quali cioè non grava nessuna imposta e non devono essere segnalati nella dichiarazione dei redditi.

Ho la possibilità di diventare un arbitro di serie A?
Assolutamente sì. In particolare chi intraprende l’attività arbitrale in età molto giovane e dimostra impegno, passione e serietà ha buone possibilità di arrivare a dirigere gare di livello professionistico.

Di che benefits posso usufruire facendo l’arbitro?
- Tessera per vedere gratuitamente gare di calcio in tutti gli stadi d’Italia, in tribuna.
- Assicurazione su tutti gli imprevisti connessi all’attività arbitrale ( infortuni, incidenti ecc.)
- Credito formativo scolastico per gli studenti delle scuole superiori
- Abbonamento gratuito alla rivista “L’arbitro”
- Possibilità di partecipare a tutte le attività associative organizzate dalla sezione

Quali gare posso vedere gratuitamente con la tessera AIA?
Tutte le gare organizzate da FIFA, UEFA e FIGC sul territorio nazionale, ovvero: tutti i campionati dilettantistici e professionistici, Champion’s League, Coppa UEFA, Coppa Italia, gare della nazionale Italiana in Italia e gare di campionati mondiali, europei o olimpiadi disputate in Italia.

Quanto costa iscriversi al corso arbitri?
Il corso arbitri e la fornitura di divise è completamente gratuito.
L’unica spesa a carico dell’aspirante arbitro è il costo della visita medica agonistica, da effettuarsi presso un medico sportivo (costo circa 40 €).

Quali sono i doveri dell'arbitro?
- Osservare lo Statuto della FIGC ed ogni altra norma emanata dalla federazione o dall’AIA.
- Dimostrare in ogni luogo e circostanza, esemplare moralità e rettitudine.
- Dirigere solo le gare per cui viene designato dagli organi competenti.
- Frequentare le Riunioni Tecniche Obbligatorie.
- Versare puntualmente le quote associative.

Quali sono i diritti dell'arbitro?
Gli arbitri, in ragione del loro ruolo istituzionale, hanno diritto individualmente e come associati, alla difesa della propria immagine ed onorabilità e ad ogni altra forma di tutela che si renda necessaria da parte della FIGC in tutte le sue componenti.

E’ possibile diventare arbitri di calcio a 5?
Assolutamente sì. E’ necessario cominciare dirigendo gare di calcio a 11, ma dopo qualche anno è si può decidere di dirigere gare di calcio a 5.
Quali documenti devo fornire per potermi iscrivere al corso arbitri?
- N° 3 foto formato tessera
- Fotocopia carta d’identità
- Fotocopia codice fiscale
- Consenso scritto dei genitori (solo per aspiranti arbitri minorenni)
- Certificato penale (autocertificazione)
- Certificato medico sportivo agonistico (da consegnare dopo il superamento dell’esame)

Atletico Tricase: Sulla tre quarti arriva un italo-argentino

26 settembre 2008
di Redazione


Altro colpo di mercato del DS Roberto Zocco (nella foto) nell'ottica di rafforzamento della rosa rossoblu.
Dopo l'arrivo, nei giorni scorsi, di Simone Greco, nella giornata di oggi è stato ufficializzato l'ingaggio del tre quartista 20enne Martin Miguel Mustachi, di origine argentina ma con cittadinanza italiana.
Il calciatore, però, dovrebbe essere disponibile non prima di 15-20 giorni a causa dell'iter burocratico.

ULTIME ORE PER VOTARE IL SONDAGGIO

27 settembre 2008
di Redazione

ULTIME ORE UTILI per partecipare al sondaggio presente in home page sulle modifiche da apportare ad Eccellenzapuglia.
Da domani, vagliati i risultati, si procederà in maniera graduale ai cambiamenti da voi richiesti.
Rimarrà tutto così com'è solo nel caso in cui a prevalere sarà l'opzione "NULLA".
Dunque mano al mouse e cliccate su una delle quattro opzioni disponibili. Sarete voi a decidere i prossimi cambiamenti di Eccellenzapuglia!

Coppa Italia: Virtus Casarano - Asd Taurisano 1-0

25 settembre 2008
di Ivan Lupo
FOTO Virtuscasarano.it
FOTO Cusp1980.com

Circa 2000 spettatori (di cui un centinaio ospiti) hanno fatto da cornice questa sera all'ultimo match della prima fase di Coppa Italia in programma al "Capozza".
Avversario di turno il Taurisano dell'ex capitano rossoazzurro Mimmo Oliva, festeggiato ad inizio ed a fine gara dalla Curva Nord (foto: cusp1980.com).
Il turn over applicato da mister Bianchetti non delude e, per la seconda volta in due gare, la Virtus di Coppa fa sua l'intera posta in palio qualificandosi a punteggio pieno per gli ottavi di finale.
E' di Simone D'Anna il gol che, al termine della prima frazione di gioco, sblocca il risultato. Il merito, però, va equamente diviso con Alberto Villa, al suo debutto in maglia rossoazzurra, lesto a servire il giovane attaccante che, entrato in area trafigge con un rasoterra l'incolpevole portiere ospite.
Prima della marcatura, D'Anna si era reso pericoloso già all'8' con una percussione sulla fascia sinistra interrotta fallosamente da Oliva. Sulla punizione, dal vertice sinistro, Villa centra una clamorosa traversa interna che fa gridare al gol sul rimbalzo, grido subito strozzato da una segnalazione di fuorigioco da parte del sig. Fornaro di Taranto.
Al 13', sempre D'Anna dalla bandierina crossa in area avversaria; la palla viene intercettata da un difensore ospite che, sotto pressione, di testa scheggia il palo rischiando una clamorosa autorete.
Tra il 27' ed il 40' è Aragao, ottimo in percussione, a fornire ai compagni di reparto alcuni ottimi spunti; sul primo il brasiliano guadagna un calcio di punizione dal limite che, calciato da Villa, viene ribattuto dalla difesa ospite; il secondo, direttamente dal corner, trova la testa di Calabro che, però manda la sfera oltre la traversa; al 40' ancora Aragao pennella un cross per Villa che, in area, impatta male con la sfera spedendola alta.
E' il preludio al gol che, come già detto, arriva dopo 3' minuti con un pregevole scambio Villa – D'Anna e l'under rossoazzurro a centrare per la terza volta in gare ufficiali il bersaglio.
La ripresa si apre con gli stessi 22 in campo e con un'occasionissima per Rosciglione che, al 3', non centra la porta dalla corta distanza.
Mister Preite, trainer granata, prova a mescolare le carte e nel giro di 5 minuti (tra il 49' ed il 54') effettua due sostituzioni; entrano, infatti, Romito e Scarcella per Orlando e Longo. La gara, però, non varia di molto ed è sempre la Virtus ad avere le occasioni migliori. Al 62' ci prova Villa, ma la sua conclusione è debole; al 64' tocca ad Aragao tentare il raddoppio, ma il forte tiro del brasiliano non trova lo specchio della porta.
Al 67' arriva il primo pericolo per la porta difesa da Leopizzi. Bella azione del neo entrato Scarcella sulla tre quarti e potente tiro che l'estremo difensore rossoazzurro blocca con sicurezza. Un minuto più tardi ancora Scarcella dalla distanza con la palla che sorvola di poco la traversa. Al 71' terza percussione di Scarcella che, sempre dalla distanza, tenta di impensierire Leopizzi con un tiro che termina abbondantemente fuori. Il direttore di gara assegna la rimessa dal fondo, ma capitan Calabro da lezioni di fair play e si “autoaccusa” della deviazione facendo cambiare idea al sig. Fornaro che concede il corner. Sulla battuta nessun pericolo per la difesa di casa.
La Virtus, che in questi minuti ha tirato il fiato, si ripresenta subito minacciosa ed al 73' ci vuole un superlativo Oliva per negare ad Aragao la gioia del gol.
I minuti finali vanno in cronaca solo per la girandola di sostituzioni operata da mister Bianchetti: al 75' Mosti rileva un applauditissimo D’Anna; all'84' è il turno di Cimino che sostituisce il rientrante Rocco, mentre due minuti più tardi Aragao, acciaccato, lascia il posto a Maraschio.
Dopo 4 minuti di recupero e qualche crampo (vittime prima Petrelli e poi Rollo) l'arbitro decreta la fine delle ostilità con i rossoazzurri che vanno a ricevere il meritato abbraccio dei tifosi.
La luce artificiale, ritornata ad illuminare dopo circa 5 anni il rinnovato Stadio Capozza, si spegne sulla prima fase di Coppa Italia. La Virtus accede agli Ottavi.

VIRTUS CASARANO
Leopizzi, Rollo, Seclì, Rocco (83' Cimino), De Icco, Calabro, Aragao (86' Maraschio), Rosciglione, D'Anna (75' Mosti), Villa, Palma. A disp: Trombetta, Marchi, Pedone, Sanguinetti.

ASD TAURISANO
Frassanito, Petrelli, Toma, Oliva, De Nuzzo, Verna, Orlando (49' Romito), Cursi, Renis, De Matteis, Longo (54' Scarcella). A disp: De Maio, Migali, Giannuzzi, Gjonat, De Razza.

Coppa Italia: Stefanizzi Sogliano - Nardo' Calcio 4-1

25 settembre 2008
da Nardocalcio.com

Giornata ventosa, terreno sintetico, spettatori presenti circa 80 di cui 50 neretini.
Approccio fulminante alla gara del Nardò.
Al 4' Masciullo si impossessa del pallone sul versante destro, si accentra verso l'area, supera un avversario e piazza un diagonale vincente sul secondo palo. Nardò in vantaggio.
Inizio sorprendente dei giovani mandati in campo da mister Lepore. I ragazzi tengono bene il campo e controllano con disinvoltura.
Il Sogliano cerca di organizzarsi. Crea un paio di iniziative sulla fascia destra ma prima Montefusco, poi Mastria ribattono i cross dei padroni di casa.
Al 25' attacco rossonero. Tiro di Gaetani alto sopra la traversa.
Al 30' calcio di punizione dal limite di Melissano e bella parata di Leo Di Marco.
La pressione del Sogliano si concretizza. Splendido calcio di punizione di Tondo e palla nel sacco. 1-1
Il Nardò reagisce subito. De Mitri si incunea in area e viene stretto tra due difensori prima del tiro a rete. Potrebbe essere calcio di rigore, ma per l'arbitro è tutto regolare.
Il Nardò non demorde. Al 41' Scigliuzzo tenta il pallonetto dal limite dell'area, ma il suo pallone viene deviato fuori.
Al 43', uno scatenato Masciullo entra in area e, anche se visibilmente strattonato, tira in porta impegnando Micheli.
Nel momento migliore del Nardò è il Sogliano a colpire.
Al 44' incursione di Tundo che sulla fascia salta Montefusco, supera Collaro e infila Di Marco.
Si va negli spogliatoi con il Sogliano in vantaggio e con il Nardò che recrimina per un evidente rigore non concesso.
Il Nardò si ripresenta in campo con Buono al posto di Collaro.
Il Nardò cerca di prendere l'iniziativa ma il Sogliano controlla senza problemi.
Al 60' ancora un calcio di punizione dal limite per i padroni di casa. Stavolta Di Marco è attento e neutralizza il tiro di Tondo.
Al 65' scontro fortuito tra Lepore e Mastria. Il difensore ha la peggio ma fortunatamente recupera.
Al 75' il Sogliano prende il largo. Ricciato piazza il goal dell'ex schiacciando di testa in area un cross dalla bandierina.
All'88' arriva il quarto goal rossonero. Manco mette in rete un invitante assist di Gaetani.
Finisce 4-1. Il Nardò esce dalla Coppa Italia.

STEFANIZZI SOGLIANO
Micheli, Fracella, Ingrosso, Branà, Biasco, Melissano, Tundo, Lillo, Manco, Tondo, Gaetani.

NARDO' CALCIO
Di Marco, Zollino, Montefusco, Lepore Mino, Collaro, Mastria, Scigliuzzo, Montefrancesco, De Mitri, Masciullo, Camilleri.

Coppa Italia: Atletico Corato - Ruvo 4-1

25 settembre 2008
da Coratocalcio.it

Il Corato batte il Ruvo 4 – 1 e conquista il passaggio al turno successivo; le reti sono state siglate in successione da Di Domenico, Asselti, Curci (nella foto con D'Introno) e nel finale da Sardella.
Particolare interesse per il rientro di Michele Musti dopo circa nove mesi di assenza dai campi di calcio, mentre un lieve strappo muscolare si è abbattuto ai danni dell’under Frascolla.
Da segnalare anche il rientro del portiere Damiano Di Vincenzo dopo un problema lombare e al menisco.
La partita contro il Ruvo ha messo in risalto i giovani Cataldo, Santarsiero, Asselti, Campanale e Di Domenico; alcuni di loro hanno fatto l’esordio in neroverde dimostrando di avere carattere e tecnica. Ottima prestazione.

ATLETICO CORATO
Di Vincenzo, Cataldo, Lanotte (65' Frascolla), Abruzzese (49' Abbrescia), Abbasciano, Santarsiero, Asselti (49' Musti), Sardella, Di Domenico, Curci, Campanale.

RUVO
Bertoni, Sollecito, Mazzilli (70' Fornelli), Troiano, Guastamacchia, Finoccio, Ventura, Leone, Drapni, Dell'Olio (46' Pisani), Marinelli.

Coppa Italia: Lucera Calcio - Atletico Vieste 2-1

25 settembre 2008
da Ilgrecale.it

Un rigore trasformato da Palumbo (foto: sundayradio.it) e un bel gol di Zoila nel finale permettono al Lucera Calcio di battere il Vieste e qualificarsi per il turno successivo di Coppa Italia.
Ai biancocelesti, dopo il 7-0 rifilato all’Apricena, serviva anche un pareggio per il passaggio del turno, mentre i garganici avevano bisogno di una vittoria, sogno accarezzato per qualche minuto dopo essere giunti al momentaneo pareggio a 5 minuti dalla fine dell’incontro (rigore trasformato da Gentile all'84' n.d.r.).
E invece la formazione di Di Stefano, nonostante fosse in 10 uomini a causa di un infortunio a Rizzi, ha fatto valere il maggior tasso tecnico e la categoria superiore, vincendo la gara con una prestazione che comunque rappresenta un buon test in vista della trasferta di campionato di domenica a Putignano contro l’unica squadra a zero punti del torneo.

LUCERA CALCIO
Curci, Cardone O. (54' Piazzolla), Rizzi, Abbrescia, Palumbo, Vacca, Trotta, De Stasio (64' Raffaello), Zoila, Da Bellonio (58' Cannarozzi), Scarano.

ATLETICO VIESTE
Padalino, Melchionda (66' Stellato), Di Iorio, Cinque, Sollitto, Merlito, Augelli R., Chiappinelli (49' Ducange), Salerno (54' Gentile), Colella, Campaniello.

Coppa Italia: Boys B. Calcio - Novoli 2-0

25 settembre 2008
di Ferdinando Garramone

Torna alla vittoria il Brindisi Calcio, regolando al "Fanuzzi" con un classico 2-0 il Novoli, militante nel campionato di Promozione, in occasione della gara valida per il primo turno di Coppa Italia e decisiva ai fini della qualificazione, chiudendo al primo posto ed a punteggio pieno il girone 10 in cui era inserito anche il San Pancrazio Salentino e conseguendo così la qualificazione alla fase successiva della competizione tricolore.
Il Brindisi, reduce dai due stop consecutivi in campionato e sceso in campo con una formazione in gran parte rinnovata per via del "turn-over" opportunamente attuato da Mr. Gori anche in vista della prossima partita di campionato con lo Japigia Bari, ha affrontato il match con la giusta carica agonistica e con la dovuta concentrazione, sbloccando il risultato già all'11' del primo tempo, con il "solito" Disantantonio (in una foto d'archivio), a segno ancora una volta direttamente su punizione, con il portiere del Novoli rimasto sorpreso dalla perfetta esecuzione del n. 10 biancoazzurro.
Il Novoli (cui sarebbe stato sufficiente un pareggio per passare il turno, considerata la migliore differenza reti rispetto all' "undici" adriatico alla vigilia del confronto, ndr.), passato in svantaggio, si è dovuto gioco forza riversare in avanti, ed in alcune circostanze si è reso pericoloso dalle parti di Laguardia (rientrato dopo l'infortunio alla caviglia che lo aveva costretto a saltare il match di domenica scorsa contro il Lucera, ndr.), ma non è stato capace di concretizzare quasi mai la mole di gioco prodotta, sicchè, nella ripresa, dopo la consueta girandola di cambi, è giunto in contropiede il raddoppio dei padroni di casa, siglato nei minuti finali da Pepe Esposito (che
aveva rilevato Rodrigues, all'esordio ufficiale con la maglia del Brindisi, al pari del nuovo arrivato Vatalaro, ultimo acquisto in casa biancoazzurra, ndr.) su assist di Disantantonio, che ha così definitivamente "archiviato" la pratica Novoli, in attesa di conoscere il nome dei prossimi avversari in Coppa Italia.
Prossimo impegno del Brindisi, come detto, domenica prossima, sempre al "Fanuzzi", contro l'ostico Japigia Bari, per la 5° Giornata di Andata del campionato di Eccellenza Pugliese


BOYS B. CALCIO
Laguardia, Di Nota, Pinca, Allegrini (68' Giordano), Fraticelli,Vatalaro, Golia, Scozia, Rodrigues (57' Pepe Esposito), Disantantonio,Galzarano (60' Frascaro). A disp: Minelli, Patera, Greco, Carbone.

ASD NOVOLI
Leuce, Palma, Mele M., Elia, Liaci, Tafuro (46' Mele O.), Gianfreda (79' Murciano), Bernardo, Visconti (46' De Ventura), Cazzetta, Vetrugno. A disp: Portaluri, Micocci, Personè, Portone.

Coppa Italia: As Bisceglie - Real Barletta 4-1

25 settembre 2008
di Alessandro Ciani Passeri

Con un perentorio 4-1 conquistato questo pomeriggio sul neutro di Terlizzi contro il Real Barletta, la squadra nerazzurra conquista il primo posto nel proprio triangolare di Coppa di cui faceva parte anche la Fortis Trani e conquista il passaggio al turno successivo della competizione.
Nonostante il robusto turn over attuato dal tecnico barese Sergio Notariale, il Bisceglie ha fatto suo un match messo in discesa già nella prima frazione grazie ad una rete di Petruzzella (nella foto), e poi messo in cassaforte grazie alle ulteriori reti di Di Pinto, Saracino e ancora Petruzzella.
Vano è stato il goal della bandiera della squadra ospite, che così chiude all'ultimo posto la competizione.
Gli ottavi di finale della competizione, che ricordiamo consentirà in caso di vincita finale della fase regionale e successivamente di quella nazionale l'accesso diretto in serie D, si disputeranno il 23 Ottobre (Andata) e il 6 Novembre 2008 (Ritorno).
Con ogni probabilità, prossimo avversario dei nerazzurri dovrebbe essere il Corato di Michele Lotito, quest'oggi vittoriosi per 4-1 in quel di Ruvo.
Intanto questa sera la società nerazzurra ha comunicato che non farà più parte dell'organico il centrocampista Michele Di Malta, il quale nella stagione appena iniziata non ha avuto modo di collezionare nessuna presenza ufficiale in maglia stellata.

Usd Terlizzi: Dalla Lega Pro arriva Nicola Roselli

25 settembre 2008
da Usdterlizzicalcio.it

Gran colpo di mercato del Terlizzi: il ds Gianluca Frascati si è assicurato il forte laterale sinistro Nicola Roselli (nella foto), nella passata stagione a Noicattaro (ex serie C2) e poi svincolatosi.
Trentadue anni, nato a Bari il 19 febbraio 1976, Roselli ha un curriculum importante (oltre a diverse stagioni nel Noicattaro, protagonista della promozione dalla D, ha giocato anche a Bitonto), va a rinforzare l'organico rossoblù in qualità, quantità ed esperienza e colma la lacuna tattica sull'out sinistro, vista l'assenza di Daniele Morea che ne avrà ancora per un paio di mesi.
"Ho fatto un bel regalo a mister Caricola - dice sorridendo il presidente Salvatore D'Alesio - ritengo che abbiamo messo a segno un bel colpo facendo arrivare un giocatore importante".
Gli fa eco il ds Frascati: "Roselli aveva richieste anche in serie D, ma il nostro progetto lo ha convinto ad accettare la nostra proposta".
Roselli potrebbe esordire già domenica al "D'Angelo" di Altamura.
"Fisicamente è a posto - conferma Frascati - ha seguito una preparazione atletica personalizzata e si è presentato bene e molto motivato. Certo gli manca il ritmo-partita, ma quello si acquisisce solo giocando".

Virtus Casarano: Stasera l'atteso debutto di Villa

25 settembre 2008
di Ivan Lupo

Dopo la prima sconfitta stagionale rimediata a Locorotondo domenica scorsa, la Virtus Casarano prova a rimettersi subito in carreggiata questa sera, nel "posticipo" della 3.a giornata di Coppa Italia Dilettanti.
La gara, in programma sul terreno del Capozza a partire dalle ore 20, metterà di fronte i ragazzi di mister Bianchetti alla formazione del Taurisano, compagine militante nel campionato di Promozione girone B.
Dopo il successo di misura ottenuto sul campo del Racale nella 1.a giornata, e dopo il pareggio per 1-1 tra lo stesso Racale ed il Taurisano nella 2.a giornata, alla Virtus oggi basterà anche un pari per accedere al turno successivo.
Mister Bianchetti non si sbottona sulla formazione, ma è quasi certo il debutto sin dal primo minuto dell'ultimo arrivato in casa rossoazzurra, Alberto Villa (nella foto).
L'attaccante, fermato da alcune regole federali sino al 21 settembre (per aver disputato in questa stagione una gara di Coppa Italia con la Sambenedettese sua ex squadra), potrà dunque calcare l'erba del Capozza in una gara ufficiale, dopo aver finora disputato solo gli allenamenti.
Altro rientro dovrebbe essere quello del forte centrocampista Dario Rocco che, reduce da un risentimento muscolare più lungo del previsto, sembra aver riassorbito del tutto l'infortunio.
Per il resto l'allenatore siciliano dovrebbe disporre un ampio turn over per dar spazio a chi finora ha giocato di meno e dar fiato a chi ha collezionato più minuti nelle gambe in questo primo scorcio di stagione.
Arbitrerà l'incontro il sig. Fornaro di Taranto coadiuvato dai sig Catalano di Lecce e Pignatelli di Taranto.

Nardò Calcio: Il probabile "undici" anti-Sogliano

25 settembre 2008
da Nardocalcio.com

Dopo la cocente sconfitta col Terlizzi, la truppa di mister Lepore (nella foto) prova a rialzare la testa. L'impresa è difficile. Si va sul terreno della neopromossa Sogliano autentica outsider di questo torneo.
In settimana i Granata si sono allenati sul sintetico di Via Avetrana o nell'antistadio a causa dell'indisponibilità del terreno in rifacimento e della pioggia.
Difficile prevedere la formazione anti-Sogliano anche se si presume che ci saranno degli esperimenti in vista del derby.
Previsto l'impiego di Di Marco in porta e di Mastria in difesa.
A centrocampo potrebbe esordire Montefrancesco mentre l'attacco sarà imperniato su De Benedictis assente per squalifica domenica prossima.

Probabile formazione:
DI MARCO, ZOLLINO, MASTRIA, ESPOSITO, COLLARO, STRIANO, MONTEFRANCESCO, LEPORE, FONTANA, DE BENEDICTIS, MASCIULLO.

As Bisceglie: Serve la vittoria con due gol di scarto

25 settembre 2008
da Forzabisceglie.it

Primo crocevia stagionale per i nerazzurri di Notariale che quest'oggi, sul neutro di Terlizzi (inizio ore 15,30 a porte chiuse), affronteranno il Real Barletta, compagine di promozione, per l'ultima gara del primo turno di Coppa Italia.
La squadra stellata, che nella prima gara aveva impattato per 0-0 a Trani, sarà costretta a vincere con due goal di scarto per poter accedere al secondo turno della competizione.
Il Real Barletta, ormai fuori dei giochi, aveva infatti perso per 2-0 contro i biancoazzurri tranesi, attualmente al primo posto del triangolare con 4 punti.
Nel Bisceglie mancherà per squalifica il roccioso Roberto La Salandra, il quale sarà sostituito al centro della difesa da Gioacchino Angelico (nella foto).
E' molto probabile inoltre che mister Notariale opti per un ampio turn over, con i possibili schieramenti dal primo minuto di Pasculli, Petruzzella, Colangelo, Saracino.
Difficile l'inserimento in formazione di Di Malta, non ancora al top della forma.
Ad arbitrare l'incontro è stato designato il Sig. Paradies della sezione di Bari.

Atletico Corato: Lotito vuole il passaggio del turno

25 settembre 2008
da Asdcorato.it

Non è stata una ripresa degli allenamenti solita, quella che martedì scorso ha visto gli uomini di Michele Lotito (nella foto), riprendere il lavoro in vista dei prossimi impegni.
Come ogni martedì il tecnico si è chiuso negli spogliatoi con i suoi giocatori e immaginiamo che le parole del tecnico, questa volta, possano essere state di un tono diverso dal solito.
Certamente una prestazione poco felice, nel corso di un’intera stagione, ci può anche essere ma ora toccherà alla squadra, dimostrare che l’opaca prestazione contro il Sogliano è stata solo una parentesi.
Infatti, dopo le prestazioni di Ostuni, dove il Corato fu sconfitto ma uscendo a testa alta dal campo, dal pareggio beffa contro il Brindisi e dalla vittoria esterna a Putignano, i neroverdi per la prima volta, non sono riusciti a creare occasioni da rete.
«E’ vero tutto questo – spiega il presidente Luciano Rutiglianoma è anche vero che le due reti subìte sono il frutto di due nostri errori. La società è ancora convinta che la rosa di quest’anno è di prim’ordine e, conoscendo l’abnegazione dei ragazzi, sapremo risollevarci presto».
Oggi pomeriggio a Ruvo, la squadra coratina giocherà la sua seconda gara di Coppa Italia, quella che potrebbe dare il passaggio al turno successivo. Infatti, dopo la vittoria interna contro il Terlizzi (1 a 0) e la sconfitta del Ruvo contro il Terlizzi (3 a 0), alla squadra coratina potrebbe anche bastare un pareggio per passare al turno successivo.
In vista del difficile incontro di domenica, ancora al Comunale di via Gravina, contro la capolista Locorotondo, Lotito potrebbe scegliere di risparmiare qualche giocatore.
«Noi ci teniamo a passare il turno – dice il tecnico – e chiunque scenderà in campo lo farà con questo unico obiettivo».

Asd Liberty: In Coppa Italia basta un punto

25 settembre 2008
da Calcioclub.nicholaus.it

Dopo il pari di Massafra in campionato, il Liberty torna a giocare in Coppa Italia: avversario sarà l'Europa Grumese, matricola della Promozione (ha beneficiato del ripescaggio dopo aver vinto i play off).
Dopo il 7-0 al malcapitato Soccer nella gara d'esordio nella competizione, ai baresi basta un pari.
Anche perché Grumese e Modugno, nello scontro diretto, hanno pareggiato 2-2.
Si gioca al “Comunale Vito Ventola” di Grumo (inizio alle 15,30, arbitro Acquafredda, assistenti Giancaspro e Ciccolella, tutti di Molfetta).
Così in sei giorni i ragazzi di mister Catalano (nella foto) passeranno dall'erba naturale di Massafra, al quasi cemento di Grumo, sino all'erba artificiale del San Paolo, dove sabato pomeriggio affronteranno il Castellana nella quinta di campionato e dove capitan Costantino e compagni si alleneranno sino al 30 settembre (il "Della Vittoria" non è disponibile causa concerto di Vasco Rossi).
Un bel tour de force: considerando il turno di giovedì della scorsa settimana, quattro partite in nove giorni. Quindi turn over obbligato: spazio a chi sinora ha giocato meno.

Boys B. Calcio: Possibile turn over in Coppa Italia

24 settembre 2008
di Ferdinando Garramone

Dopo la ripresa degli allenamenti, come ogni martedì, presso il campo sportivo di Tuturano, prosegue senza sosta il “tour de force” del Brindisi Calcio, atteso l’impegno infrasettimanale di Coppa Italia contro il Novoli, in programma al “F. Fanuzzi” domani (inizio ore 15,30), valido per l’ultimo turno del triangolare e decisivo ai fini della qualificazione alla fase successiva, alla luce dei successi conseguiti da entrambe (dal Novoli in casa per 4-1 e dal Brindisi in trasferta per 1-0) contro il San Pancrazio Salentino, l’altra compagine militante in Promozione inserita nel girone 10.
Nessun problema di formazione in casa biancoazzurra, in quanto l’intero organico è a disposizione di Mr. Gori, che, comunque, per l’occasione, darà spazio, presumibilmente, a coloro che sinora hanno giocato di meno in quest’intenso avvio di stagione, anche e soprattutto in vista del prossimo turno di campionato, che prevede l’impegno interno contro lo Japigia Bari, in programma domenica prossima per la 5° Giornata di Andata.
La squadra del Presidente Gioia, che, peraltro, in questi giorni, sul fronte del mercato, è alla ricerca di qualche ulteriore innesto (dopo gli arrivi dell’under Licchelli e di Gazzarano, ndr.) in grado di rinfoltire la “rosa”, è, in ogni caso, intenzionata ad onorare l’impegno con il Novoli ed a riscattare le ultime prestazioni, deludenti sotto il profilo del risultato, contro Bisceglie e Lucera.
L’ingresso allo stadio “Fanuzzi”, infine, in occasione di Brindisi-Novoli, sarà gratuito.

Il punto sulla 4.a giornata

23 settembre 2008
di Ivan Lupo



La quarta giornata decreta le prime battute d'arresto delle capofila Ostuni e Casarano. I gialloblu, allo scadere, limitano i danni andando ad impattare a Bari sul terreno dello Japigia. Al primo gol in questo campionato dei biancoverdi, firmato da Francesco Tenzone, rimedia all 89' Ricci che, su rigore, salva risultato e testa della classifica per l'Ostuni.
La squadra di mister Carbonella si trova ora a dividere la vetta con il sorprendente Victoria Locorotondo che, grazie a due rigori, uno per tempo, si sbarazza della temibile Virtus Casarano. Le imprecisioni, molte, sottoporta degli uomini di mister Bianchetti sommate ad una buona quadratura tecnico tattica dei blaugrana e ad un rigore (il primo) abbastanza dubbio, condannano al secondo posto solitario i salentini che, in un solo colpo perdono la testa della classifica e lo zero nella casella gol subiti. Per il Locorotondo dell'ottimo portiere under Maggi a segno Lobascio e De Tommaso.
Alle spalle dei rossoazzurri, fermi a quota 9, si fa intravedere minaccioso l'ambizioso Sogliano che, con una gara praticamente perfetta, compie l'impresa di giornata vincendo sull'ostico terreno del Corato. A sottolineare la giornata no dei neroverdi ci pensano Spagna (ancora a segno dopo la gara col Putignano) ed il ritrovato bomber Angelo De Benedictis, al suo primo centro stagionale. A parziale scusante dei coratini, mezz'ora della ripresa disputata in 10 uomini per l'espulsione di un nervosissimo Sardella (al suo secondo cartellino rosso dopo solo 4 giornate).
Il Corato si ferma a quota 4, mentre col Sogliano salgono a quota 7 anche Atletico Tricase e Bisceglie.
I rossoblu salentini dominano per circa 60 minuti il Real Altamura di Ciccio Tudisco, cogliendo un palo e segnando un gol al 3' con Moreno. L'ingresso di Recchia per gli ospiti e la non perfetta condizione fisica derivante dal tour de force di queste settimane, però, cambia volto alla gara ed il Real prima si impadronisce del gioco e poi trova il definitivo pareggio a 10 minuti dal termine lasciando i padroni di casa con l'amaro in bocca per la ghiotta occasione sprecata.
Per il Bisceglie, invece, ultimi minuti decisivi in positivo. La squadra dello squalificato tecnico Notariale (che riprenderà le redini dopo il 2 ottobre), forse ancora non completamente abituata agli spalti vuoti, soffre sul neutro di Ruvo un generosissimo Putignano, ottimo in fase difensiva, ma trova la stoccata vincente grazie ad un rigore concesso all'85' e trasformato da Lasalandra.
La squadra della città del Carnevale resta ancora protagonista solitaria dell'ultima piazza ed accumula il non brillante record di 4 sconfitte nelle prime 4 giornate con una sola marcatura all'attivo (quella, per altro, inutile di Vittorione nella prima giornata).
Subito dietro il terzetto a quota 7 ecco un altro terzetto distante un solo punto: Liberty, Massafra e Copertino.
Le prime due si annullano vicendevolmente sul terreno tarantino ed impattano a reti bianche in una gara dalle rarissime emozioni. Pareggio prezioso, comunque, per il Massafra al cospetto di una delle big del torneo. Il Liberty che, tra l'altro, ha prodotto le migliori occasioni dell'incontro recrimina per la scarsa vena in fase conclusiva e conquista il terzo pareggio su 4 incontri, score tutt'altro che invidiabile per la corazzata guidata da mister Catalano.
Anche il Copertino si deve accontentare di un pareggio in casa del sempre più sorprendente Castellana (ora solitario a quota 5 con un bottino di 1 vittoria, 2 pareggi ed 1 sola sconfitta sul terreno del Casarano). Si decide tutto negli ultimi minuti di gara: rossoverdi in vantaggio all' 83' con Andrea De Benedictis, raggiunti dal mai domo Castellana dopo soli 4 minuti grazie ad un gol in mischia dell'argentino Bernè. Per il Copertino terzo pari consecutivo che, di certo, non fa fare i salti di gioia a patron Fanuli. Per gli azzurro stellati del giovanissimo e sorprendente mister De Luca, invece, terzo risultato utile consecutivo e la consapevolezza di poter "mettere i bastoni tra le ruote" a diverse compagini anche più accreditate.
Tenta una timida risalita anche il Lucera di mister Di Stefano che nelle prime tre giornate aveva rimediato solo un misero punticino (in casa col Liberty), A suonare la carica ci pensa il pupillo Cannarozzi che con un poker di reti stende il Boys B. Calcio e si impossessa della classifica marcatori. A completare la cinquina finale è Zoila. Risultato comunque pesante per i ragazzi di mister Chiarelli che crollano solo nella ripresa a causa del doppio cartellino giallo rimediato da Pinca al 3'. Difesa sfaldata e goleada servita.
Nelle zone basse è crisi per il Nardò di mister Lepore. I granata subiscono la terza sconfitta in 4 gare in casa del l'ex fanalino di coda Terlizzi (2-0 il risultato finale grazie ai gol di Manzari e Conteduca) e subiscono il sorpasso in classifica da parte proprio dei rossoblu. L'undici di mister Caricola mette la prima X nella casella vittorie ed obbliga i granata al primo face to face interno.
Giovedì prossimo ritorna la Coppa Italia, con alcuni derby d'Eccellenza (su tutti quello d'alta quota tra Ostuni e Locorotondo) mentre sabato 27 settembre è in programma l'anticipo della 5.a giornata di campionato tra Liberty e Castellana . Domenica, da seguire, sicuramente, Sogliano-Bisceglie ed Ostuni-Massafra, mentre promettono spettacolo Corato-Locorotondo ed i derby salentini Copertino-Tricase e Nardò-Casarano. Chiudono la giornata le gare di Brindisi, Putignano ed Altamura (rispettivamente contro Japigia, Lucera e Terlizzi) con le squadre di casa attese da un pronto riscatto.

Lucera Calcio: Tagliandi a 3 euro per il giovedì di Coppa

22 settembre 2008
da Usdluceracalcio.it

La società U.S.D. Lucera Calcio comunica che, in occasione della gara di Coppa Italia tra Lucera e Atletico Vieste in programma giovedì 25 settembre alle ore 15:30 presso lo stadio Comunale di Lucera (nella foto), il costo del tagliando di ingresso sarà di 3 Euro per il settore tribuna.
Non saranno messi in vendita biglietti per il settore curva.

4.a Giornata: La voce dei protagonisti

L'articolo è in costante aggiornamento grazie alla disponibilità dei nostri collaboratori e dei vari Uffici Stampa.



ATLETICO CORATO - STEFANIZZI SOGLIANO

Angelo De Benedictis (att. Sogliano): Contava vincere e ci siamo riusciti con merito. Tutta la squadra si è espressa a buoni livelli, come aveva già fatto nelle due precedenti partite contro Putignano e Locorotondo. Solo a Brindisi, all'esordio, abbiamo steccato l'approccio alla sfida pagando dazio. Gli errori commessi nel primo incontro, però, ci hanno fatto capire in che cosa si doveva migliorare. Per quanto mi riguarda, a Brindisi ero andato in gol, ma l'arbitro non ha ritenuto che la sfera avesse superato la linea. Contro il Putignano ho assistito Spagna e contro il Locorotondo ho colpito la traversa. Prima di fare centro a Corato, insomma, non ero stato certo a guardare. l'importante, comunque, è che la nostra formazione abbia trovato la giusta quadratura. Il trainer Francesco Cudazzo ha spesso ruotato gli uomini e sino a questo momento tutti abbiamo risposto nella maniera migliore. (Antonio Calò)

ATLETICO TRICASE - REAL ALTAMURA

Mario Ruberto (all. Tricase): Indubbiamente abbiamo pagato la stanchezza delle diverse gare sostenute in pochi giorni e tutte contro squadre di ottima caratura tecnica, ma la circostanza non ci assolve, perchè qualche errore di troppo l'abbiamo fatto e qualche ripartenza non l'abbiamo concretizzata soprattutto nel secondo tempo. Siamo andati subito in vantaggio, poi potevamo anche raddoppiare. Ancora non capisco e non so capacitarmi per quale ragione l'arbitro non abbia concesso il rigore al 21' per l'atterramento in area di Stefanelli. La massima punizione a nostro favore c'era e sarebbe stata poi un'altra partita. In fase difensiva abbiamo commesso due errori, il primo con Gigante che ha commesso fallo ed è stato quello il momento della partenza della loro azione da gol; il secondo con Scazzi che si è fatto saltare, anche se da qualche minuto l'Altamura stava pressando la nostra difesa e, quindi, la necessaria lucidità cominciava ad appannarsi. (Antonio Andrea Ciardo)

BISCEGLIE CALCIO - ASD PUTIGNANO

Sergio Notariale (all. Bisceglie): Prendiamo di buono solo il risultato considerata la prestazione non esaltante disputata dalla mia squadra. Mi sento però di considerare l’oggettiva difficoltà che incontreremo nelle gare casalinghe dove ci mancherà il sostegno del pubblico e dovremo abituarci a tirar fuori da noi stessi le giuste motivazioni per andare avanti. Mi conforta l’aver vinto le ultime due gare pur mostrando palesi difficoltà negli ultimi venti metri dove siamo ancora troppo lenti e prevedibili. Pasculli in tal senso ci sta ravvivando il gioco. In prospettiva guardiamo partita dopo partita perché c’è ancora molto da lavorare. Intanto passiamo il turno in coppa poi penseremo alla sfida tra sette giorni a Sogliano (Bisceglielive.it)

ASD CASTELLANA - ASD COPERTINO

Giuseppe Mosca (all. Copertino): Sin qui abbiamo raccolto di gran lunga meno di quanto avremmo meritato. Abbiamo raggranellato un solo punto pur mettendo sotto lo Japigia, il Massafra e oggi il Castellana. Oggi, in particolare, abbiamo giocato nella metà campo avversaria per tutti i 90', ad una sola porta. Le palle gol create sono state almeno otto, alcune delle quali limpidissime. Purtroppo abbiamo fatto centro una sola volta, con Andrea De Benedictis. Poi, sul filo di lana, siamo stati beffati da una rete rocambolesca realizzata dal Castellana. la squadra esprime un buon calcio e colleziona opportunità da gol, inoltre è a posto sul piano della condizione atletica. Stando così le cose non credo assolutamente che siamo in crisi, se non per quanto concerne i risultati. Abbiamo commesso qualche errore di mira, ma dobbiamo anche recriminare perchè siamo stati piuttosto sfortunati. (Antonio Calò)

UCD JAPIGIA - OSTUNI SPORT

Enzo Carbonella (all. Ostuni): Per quanto riguarda la mia espulsione non ho detto nulla, ho chiesto solo al direttore di gara di accelerare i tempi, ma quello è il male minore. Per quanto riguarda la gara, abbiamo fatto gol allo scadere ma penso che meritavamo molto di più, soprattutto per quanto creato nell'intero secondo tempo, ma anche in alcune circostanze del primo. Alla fine, penso che il risultato di parità può essere giusto; noi abbiamo creato molte più occasioni, ma in tutta sincerità anche lo Japigia ha avuto delle occasioni per chiudere l'incontro come quella di Zagaria su cui è stato molto bravo Palmieri a restare in piedi ed a fare una bella parata. Noi abbiamo giocato molto sugli esterni con Piscopo e tenzone perchè era lì che bisognava insistere. Da lì è nato il calcio di rigore e da lì sono nate le occasioni migliori per noi sulle quali è stato bravo Leleuso a chiudere lo specchio. Nel primo tempo ho schierato un 4-2-4, anzi non nascondo che le punte erano 5, ma non abbiamo trovato la via del gol, poi arretrando Alfredo Tenzone, che è molto bravo nel crearsi gli spazi, abbiamo preso in mano la gara e per fortuna abbiamo trovato il rigore. ha battuto Ricci e non Tenzone perchè era lui il giocatore designato ed è il più esperto dagli 11 metri. Io ritengo che questo è un campionato molto equilibrato, al di là della fortuna o dei risvolti momentanei; ci sono almeno 6-7 squadre di un certo livello ed oggi sia noi che il Casarano ne abbiamo avuto prova. Devo dire che ero già preparato a questa evenienza, per cui sappiamo bene cosa ci attende. E' chiaro che quel gol subito su sfortunata deviazione di Piscopo ha pregiudicato il nostro sistema di gioco e poi l'intera gara. Andare sotto su questo campo e rimontare è difficilissimo. (Calcioclub)

LUCERA CALCIO - BOYS B. CALCIO

nessuna dichiarazione disponibile al momento

ACD MASSAFRA - ASD LIBERTY

Giacomo Pettinicchio (all. Casarano): Un punto che va ad unirsi agli altri cinque, conquistati in precedenza. Abbiamo affrontato una tra le pretendenti al salto di categoria, quindi, tutto sommato, è un punto utile a muovere la classifica e che tornerà utile al raggiungimento del nostro obiettivo. La prestazione della Liberty, per certi versi ha condizionato la nostra. Gli avversari, attraverso una buona organizzazione di gioco, non hanno concesso nulla. Facevamo molta fatica a capire, dall’altra parte, chi fossero gli under. Questo dimostra l’elevato valore della compagine che abbiamo affrontato. Per quanto ci riguarda, sicuramente, eravamo ben messi in campo e alla fine il risultato di parità può rappresentare un giusto riconoscimento all’impegno profuso dai ragazzi. La Liberty? Una squadra che ha giocato con un modulo tattico che permetteva alla difesa di rischiare meno. Il rombo di centrocampo non ci consentiva di trovare molti spazi in mezzo. Sugli esterni, con Nazaro e Ricci, non siamo riusciti a mantenere quanto c’eravamo proposti di fare. (Antonello Piccolo)

USD TERLIZZI - NARDO' CALCIO

nessuna dichiarazione disponibile al momento

VICTORIA LOCOROTONDO - VIRTUS CASARANO

Ivan De Masi (presid. Casarano): Sapevamo che questo è un campo ostico, nonostante ciò abbiamo giocato 90' nella loro metà campo. Abbiamo preso due gol su rigore, il primo dubbio ed il secondo per un'ingenuità. La cosa importante, però, è che nessuno ha tirato i remi in barca. (Alberto Nutricati)

Mauricio Sanguinetti (att. Casarano): E' stata una partita strana impostata per fermare gli avversari a centrocampo. Poi un rigore dubbio ci ha tagliato le gambe. Personalmente ho avuto qualche occasione ma la palla non ha voluto proprio saperne di entrare. Loro erano molto alti e noi abbiamo cercato di scavalcarli con palle lunghe. Ci vuole qualcuno accanto a me; i ragazzi hanno fatto bene, però Alberto (Villa n.d.r.) completerà il nostro attacco. (Alberto Nutricati)

Asd Castellana - Asd Copertino 1-1

21 settembre 2008
di Mario Maselli

Ha la firma argentina di Leandro Bernè (nella foto) la rimonta (la seconda in casa dopo quella con il Nardò di domenica scorsa) dell’Asd Castellana Calcio sull’Asd Copertino: all’Azzurri d’Italia è 1-1.
Secondo pareggio interno consecutivo e terzo risultato utile di fila per la formazione nero-stellata allenata da Claudio De Luca nella quarta giornata del campionato di Eccellenza pugliese.
Castellana in campo con il consueto 4-3-3 che, soprattutto in fase di copertura assomiglia molto ad un 4-1-4-1 con Lacenere in porta, Viale, Sigrisi, capitan Renzo Maggipinto (disponibile nonostante i piccoli problemi fisici) e Sportelli in linea da destra a sinistra in difesa, Bernè diga davanti al pacchetto arretrato, Laporta e Tunzi interni a centrocampo con Anelli e Garofalo molto larghi a sinistra e a destra. Senza l’indisponibile Salvati, davanti esordio per la punta di origine egiziana classe 1990 Samy Abdelkader.
Nel Copertino dalle grandi ambizioni guidato dalle giocate di Orazio Mitri, invece, debutto per la punta Brescia.
Proprio l’attaccante monopolitano prova ad aprire le marcature, ma sia al 4’ che all’8’ manda alto (in scivolata e di testa, in entrambi i casi da pochi passi).
Il Castellana regge il confronto: tiene bene in difesa con Sigrisi e Maggipinto e prova a pungere sugli esterni.
Al 45’ Lacenere esce ottimamente di piede dalla propria area di rigore ancora su Brescia.
Decisamente più viva la ripresa.
Prima Lacenere sventa su punizione di Mitri (48’), poi Sportelli salva su Palmisano (52’).
Al 55’ De Luca cambia inserendo Carlo Mastellone (recuperato dagli acciacchi all’ultimo ora) al posto di Anelli e al fianco di Bernè con Garofalo, Tunzi e Laporta mezze punte.
Cresce il Castellana: ci prova Tunzi dai 40 metri di poco alto (al 60’).
Il direttore di gara, Summa di Taranto, con decisione frettolosa, espelle Sportelli per doppia ammonizione (72’).
Poi Laporta ancora di poco alto su punizione all’80’.
Nel migliore momento del Castellana, punisce il Copertino: all’83’ assist di Mitri per la testa di De Benedictis che angola bene.
Non si abbatte l’undici di De Luca: all’87’ fallaccio di De Braco su Garofalo.
Sulla punizione seguente di Laporta in mischia pareggia Bernè (l’argentino è il quinto giocatore a segnare sui 5 gol totali finora realizzati dal Castellana).

ASD CASTELLANA
Lacenere, Sigrisi, Viale, Bernè, SportelLI, Maggipinto, Garofalo (86’ Lopriore), Laporta, Samy, Anelli (65’ Mastellone C.), Tunzi (91' D'Ursi)

ASD COPERTINO
Musacco (74' Madaro), Carrino, De Braco, Riontino, De Benedictis, Petrachi, Palmisano, Quaresimale (80' De Razza), Brescia, Mitri, MAstria (74' Frisenda)