Ricordiamo a tutti i lettori che mettiamo a disposizione un sistema aperto che permette nella maniera più democratica di commentare liberamente qualunque notizia, attivando così dei forum di discussione. E' un modo di partecipazione alla vita calcistica dell'Eccellenza pugliese, ma non deve diventare occasione di sfogo volgare. Mantenete sempre alto il livello di civiltà ed evitate di offendere gli interlocutori. Per commentare le notizie occorre disporre di un profilo GOOGLE o BLOGGER.

Playout: Massafra - Taurisano 1-0. Giallorossi in finale, granata in Promozione

02 maggio 2010
di GIOVANNI GULLI
Vittoria del Massafra che manda i tarantini a disputare lo spareggio con il Locorotondo e il Taurisano in Promozione.
Chi si aspettava un approccio alla gara con un assalto all'arma bianca da parte del Taurisano resta presto deluso.
Marangio schiera il suo Massafra con un compatto 4-4-2 che prevede il sistematico indietreggiamento a ridosso della linea difensiva da parte dei centrocampisti; comportamento tattico che mette in seria difficoltà gli avanti del Taurisano, privi, tra l'altro, di un vero e proprio “direttore d'orchesta” a centrocampo e gara che si complica sin dai primi minuti.

PRIMO TEMPO - Al secondo giro di lancette si rende pericoloso il Massafra con un tiro-cross di Salvia che chiama Silipo alla parata.
Tre minuti dopo è Piccolo che cerca il varco giusto in area ma la difesa spazza lontano.
Al 10' calcio d'angolo dalla sinistra con Carlucci che di testa manda di poco a lato.
Il Taurisano cerca di imprimere il proprio ritmo e la propria voglia di vincere, visto che la vittoria è l'unico risultato che ha a disposizione per giocarsi la permanenza, e uno dei suoi uomini più rappresentativi, Brigante, al 11' fa capire che non intende arrendersi: gran tiro dai trenta metri e un altrettanto grande Minno è chiamato alla parata superlativa alzando il pallone in angolo sopra la traversa.
Al 19' ancora Brigante ci prova ma la conclusione dal limite è centrale e non molto forte, per cui Minno para agevolmente.
Quattro minuti dopo Turi si mostra indeciso e perde palla quasi al limite della propria area, ma Rollo non riesce a coordinarsi al meglio e, appena entrato in area, trova la difesa pronta al rinvio.
Il Massafra riprende in mano il pallino del gioco e al 26' bella azione per vie centrali, con un lancio dalle retrovie, spizzicata di testa di Scippo al limite per l'inserimento di Piccolo che però viene stoppato efficacemente da un ottimo De Nuzzo che in tackle mette in corner.
Due minuti più tardi stessi protagonisti: è Scippo a lasciare palla in area ancora per Piccolo che tenta la botta di prima intenzione ma ancora De Nuzzo è pronto alla deviazione, sebbene nella stessa azione trovi l'infortunio che gli costa la permanenza in campo.
In un certo senso, la chiave di lettura del match è anche in questo infortunio. La precaria rosa del Taurisano non ha i ricambi giusti e Citignola è costretto a mettere in campo Toma, centrocampista di ruolo, adattandolo a difensore centrale.
Il finale di tempo è vivace. Al 44' Chimento, con la complicità della difesa giallorossa, recupera palla al limite, entra in area ma viene fermato, palla per Foglia che cerca la conclusione di potenza ma trova solo la deviazione in angolo di un insuperabile Zangla.
Due minuti (45' + 1') e il Massafra passa. Luccarelli si invola sulla fascia destra e cede palla a Turi il quale cerca e trova il fondo, cross in area e deviazione di Russo che insacca. Vantaggio che risulterà essere una vera e propria mazzata psicologica per gli amaranto leccesi.

SECONDO TEMPO - L'inizio della ripresa è sulla falsariga del primo tempo. Al 2' scambio in velocità Salvia– Turi, conclusione di quest'ultimo di potenza e Silipo si supera in tuffo di piede ed evita il 2-0.
Al 6' discesa sulla fascia sinistra di Carlucci, palla al centro per Chimento che lascia a Turi il quale chiama alla respinta di pugno Silipo.
Al 10' azione insistita di Scippo che prende palla al limite, viene strattonato ma riesce a mantenere il possesso della sfera che poi scarica sul corpo di Amato che respinge.
E il Taurisano? Al 13' Brigante ci prova dal vertice sinistro dell'area su un calcio piazzato ma la palla termina alta.
Al 20' ci prova dal limite Foglia che scarica un fendente verso la porta che Minno disinnesca alzandolo in angolo.
Al 24' Brigante ci prova ancora dal limite ma un super numero uno di casa si distende in tuffo sulla propria destra e devia la sfera.
Il finale è tutto per il Massafra che al 45' colpisce anche una traversa con il neoentrato Perrone e resta in undici contro dieci per l'espulsione di un nervoso Toma che commette un fallo da ultimo uomo e mette il sigillo sulla retrocessione in Promozione della sua squadra.
Al fischio finale, all'esultanza dei calciatori del Massafra, pronti a giocarsi tra sette giorni la permanenza contro il Locorotondo.
Citignola, allenatore del Taurisano, chiama a raccolta i suoi uomini e li accompagna sotto il settore ospiti per raccogliere tutti insieme, e comunque, il tributo di applausi che proviene dai sostenitori granata presenti.

POST GARA - Negli spogliatoi registriamo le dichiarazioni dei due tecnici.
Citignola, su nostra domanda, ci tiene a porre l'accento sul mercato invernale che ha privato la formazione salentina di alcuni uomini fondamentali per il proprio gioco, seppur senza togliere meriti ai ragazzi in rosa che hanno dato tutto e ai quali tributa il giusto elogio per essersi battuti fino alla fine.
Marangio, per contro, si sarebbe augurato un avversario diverso.
“Viste le difficoltà che ha avuto nelle ultime giornate, forse il Corato sarebbe stato un avversario più abbordabile”, ci dice il tecnico dei giallorossi.

Gli chiediamo se i suoi ragazzi hanno interpretato la gara così come l'avevano preparata in settimana.
“Non ho nulla da rimproverare ai miei. Li ho solo richiamati all'ordine quando nella ripresa hanno abusato troppo dei lanci lunghi”.
Tra sette giorni, in una sede da decidere, saranno quindi Massafra e Locorotondo a giocarsi la permanenza in Eccellenza.

Un vero e proprio peccato per il Taurisano, invece, squadra che aveva messo in cantiere ben altri auspici in questa stagione, al termine della quale non si può non evidenziare come i pronostici di un'intera classifica sono stati sovvertiti, visto che il Corato, in testa alle potenziali “retrocedibili” alla fine della regular season, è da questa sera anch'esso in Promozione.


MASSAFRA
Minno, Luccarelli, Carlucci, Lopetuso, Zangla, Salvia (79' Patera), Turi (54' Caccavale), Chimento (82' Perrone), Scippo, Russo, Piccolo. A disp: Cristofaro, Comandatore, Dragone, Tondo.

TAURISANO
Silipo, Amato, D'errico (53' Dell'Anna), Morelli (82' Vendetta), De Nuzzo (30' Toma), Berné, Longo, Seclì, Foglia, Brigante, Rollo. A disp: Potenza, Aprile, Leuzzi, Bartolomeo.

Arbitro: Doronzo di Barletta
Marcatori: 45' + 1' Russo MAS
Ammoniti: Turi, Zangla, Salvia, Luccarelli, Minno MAS / Morelli, Berné TAU
Espulsi: Toma (TAU) per fallo da ultimo uomo
NOTE: Spettatori 400 ca. con rappresentanza ospite. Angoli: 5-3 per il Taurisano

1 commento:

TAURISANO CLUB ha detto...

morelli venduto