Ricordiamo a tutti i lettori che mettiamo a disposizione un sistema aperto che permette nella maniera più democratica di commentare liberamente qualunque notizia, attivando così dei forum di discussione. E' un modo di partecipazione alla vita calcistica dell'Eccellenza pugliese, ma non deve diventare occasione di sfogo volgare. Mantenete sempre alto il livello di civiltà ed evitate di offendere gli interlocutori. Per commentare le notizie occorre disporre di un profilo GOOGLE o BLOGGER.

COPERTINO / Tra Coppa e campionato tutti in gol i bomber rossoverdi

14 settembre 2010
di ANTONIO CALO'
Tra la gara di Coppa Italia vinta (4-1) contro il Sogliano e la sfida del campionato d’Eccellenza vinta (3-1) contro il Lucera, tutti gli attaccanti del Copertino hanno fatto centro almeno una volta.
Angelo De Benedictis ha firmato due reti, Alessandro Villani lo ha imitato regalandosi una doppietta e Natale De Benedictis ha realizzato un gol (NELLA FOTO: NATALE DE BENEDICTIS E ALESSANDRO VILLANI - A. Tarsi).

In attesa che torni a disposizione Giuseppe Frisenda, che sta recuperando dopo essersi fatto male ad una caviglia e che è da considerare una delle bocche di fuoco migliori del team rossoverde, il coach Gianfranco Castrignanò ha tutti i motivi per essere fiducioso.
«Non abbiamo mai potuto contare su una prima linea tanto forte e ricca di alternative – sostiene Salvatore Renis, uno dei vice presidenti del sodalizio – Angelo De Benedictis è un cannoniere conclamato e si potrà giovare del fatto che accanto a lui giocheranno, a turno, punte esterne del calibro di Natale De Benedictis, Alessandro Villani e, quando sarà del tutto a posto, Giuseppe Frisenda. Senza dimenticare che i baby che sono alle spalle di questi quattro uomini hanno i numeri per farsi apprezzare quando saranno chiamati in causa».

A Copertino c’è la convinzione che Castrignanò abbia trovato il giusto assetto.
«Da quando Dino Marino è stato spostato nel ruolo di regista arretrato dietro ai mediani Giuseppe Branà e Davide Carlà la squadra si sta esprimendo alla grande – dice Salvatore Renis – La strada intrapresa sembra la migliore, anche se la stagione è ancora lunga ed il torneo è irto di insidie». 

(G.d.M.)

Nessun commento: